Elezioni Mimmo De Maio

Il Comune di Salerno vince l’Oscar Green 2015

Il concorso di Coldiretti ha premiato il Comune per il programma preventivo dell'obesità

Federica D'Ambro

Il Comune di Salerno ha vinto l’“Oscar Green Campania 2015”, il concorso di Coldiretti Giovani Impresa che ogni anno premia le realtà italiane più innovative e creative nel settore agroalimentare. Il Comune di Salerno si è aggiudicato il primo premio nella categoria “Paese Amico” per il Progetto di Prevenzione Prescolare, un programma pilota preventivo precoce dell’obesità e degli stili di vita inidonei.

Il progetto 3P nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Salerno, l’assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Salerno e la Coldiretti provinciale di Salerno. Il programma pilota è attivo in due scuole dell’infanzia comunali “San Giovanni Bosco” e “Torrione Basso”. A ritirare il riconoscimento, a Napoli, durante la premiazione degli Oscar, l’assessore comunale di Salerno alla Pubblica Istruzione Eva Avossa, il presidente della Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, il direttore di Coldiretti, Salvatore Loffreda, il Prof. Pietro Vajro della Cattedra di Pediatria, Maria Rosaria Terminiello, nutrizionista del Comune di Salerno.
“Siamo molto contenti di questo importante riconoscimento conferito all’amministrazione comunale di Salerno con la quale da tempo abbiamo avviato una collaborazione proficua – sottolinea il presidente di Coldiretti Sangiorgio – la vera innovazione che serve all’Italia è un rinnovato dialogo e collaborazione tra la macchina pubblica e la voglia di fare di tanti privati – aziende, associazioni – che investono sul territorio”.
Il progetto che si è aggiudicato l’Oscar è stato ideato per contrastare l’obesità infantile sul territorio. Secondo gli ultimi dati del Sistema di sorveglianza nazionale, la prevalenza di sovrappeso/obesità in età prescolare (8 – 9 anni) risulta essere del 32,8%, con un picco in Campania del 40%.
“L’obesità infantile, con le sue gravi complicanze, ha assunto negli ultimi anni un carattere epidemico – osserva l’assessore all’istruzione Eva Avossa – i progetti nazionali e regionali di prevenzione dell’obesità in età scolastica si sono rivelati insoddisfacenti ed inefficaci poiché rivolti ad una fascia d’età tardiva – scolare o adolescenziale – in cui risulta difficile modificare le ormai acquisite abitudini alimentari e gli stili di vita. Ecco, dunque, l’idea di proporre un progetto destinato alle scuole dell’infanzia”.
L’intervento ha previsto una serie di seminari tenuti da esperti su temi quali la sana alimentazione e l’attività fisica che hanno visto il coinvolgimento attivo di genitori ed insegnanti. Grazie alla collaborazione della Cir Food (azienda di ristorazione scolastica) della Centrale del Latte e della Coldiretti Salerno (addetta alla fornitura settimanale di frutta fresca) è stato possibile incrementare il consumo di yogurt e frutta. Alla fine del primo anno di attuazione del programma nelle classi dove si è sperimentato il progetto si è registrato un miglioramento delle preferenze alimentari e motorie e un incremento della varietà di frutta e verdura. Il Rotary Club Salerno ha contribuito alla realizzazione del progetto sostenendo le spese necessarie alla diffusione e alla realizzazione del progetto. Il comitato provinciale del CONI ha invece coordinato l’esecuzione di sessioni ludico-motorie nelle classi, le cui attività sono state poi svolte successivamente dai bambini con l’aiuto delle insegnanti. Il Progetto 3P sarà quest’anno rafforzato attraverso il coinvolgimento di altri plessi scolastici.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.