Taste - Sapori Mediterranei

Il degrado che nessuno vede all’ombra delle luci

Tombini saturi, cumuli di sporcizia, topi a spasso nella Salerno ombrata dalle luci

Pasquale Petrosino

Articolo di Pasquale Petrosino

Percorrendo i vicoli della città di Salerno, vicoli non illuminati dalle luci d’artista ed anche privi dell’illuminazione canonica è possibile cogliere il degrado in cui la città versa da tempo. Salerno non è solo luci d’artista, ma è anche e soprattutto sporcizia, degrado cattiva gestione della cosa pubblica. Basta passeggiare per i vicoli che non vengono interessati dalle luci d’artista per scorgere il senso di ciò che viene affermato. E’ il caso di una delle vie più suggestive della città , via Fusandola che costeggia il meraviglioso Giardino della Minerva, cumuli di immondizia agli angoli della strada panoramica, tombini saturi da cui fuoriesce dell’acqua e topi a spasso sulle tubature,abusive in evidenza . E’ questo il vero volto di Salerno donato ai turisti, che storditi dalle luminarie rivedono nella città la contraddizione schizofrenica dello sfarzo, da un lato e il degrado dall’altro. Spente le luci cosa rimarrà della città lucente? Prima degli eventi occorre garantire sicurezza e pulizia, donare una immagine seria e pulita di una città che avrebbe tanto da raccontare ma che rimane ostaggio dell’immagine vuota di qualcosa che vuole dimostrare senza essere, il famoso epilogo dei “sepolcri imbiancati” in cui il marciume rimane dentro uno scrigno imbiancato, così Salerno con le sue “luci attrazioni” nasconde il degrado nelle vie interne che popolano il centro storico schiavizzando i residenti a condizioni insopportabili.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.