Elezioni Mimmo De Maio

I Comuni debitori disertano il CdA

Aeroporto, assente anche la Regione. S'attende ancora la firma ministeriale sul decreto

Non ci sono i Comuni di Pontecagnano Faiano e Bellizzi, così come non c’è nemmeno la Regione Campania alle prese con il superamento del problema legato al recesso datato 31 maggio. Primo Consiglio d’amministrazione del Consorzio aeroporto per il nuovo presidente della Camera di Commercio Andrea Prete, a testimonianza dell’impegno che l’ente camerale intende continuare a profondere per lo sviluppo dell’infrastruttura.
C’è ancora attesa, in via Allende, per la firma da parte del Ministro dell’Economia e delle finanze Pier Carlo Padoan sul decreto di gestione totale dello scalo: l’iter prosegue e l’auspicio è che possa giungere a conclusione nel minor tempo possibile.
Alla riunione non hanno partecipato le amministrazioni di Pontecagnano Faiano e di Bellizzi, entrambi Comuni debitori nei confronti dell’Aeroporto ma che, a quanto pare, sono ben lontani dal regolarizzare la propria posizione. Presente, invece, il Comune di Montecorvino Pugliano.
Per quanto riguarda, invece, la posizione della Regione Campania (anche oggi assente), lo scoglio da superare è l’atto di recesso maturato al 31 marzo scorso ma la volontà di palazzo Santa Lucia dovrebbe essere quella di partecipare al “progetto Costa d’Amalfi”. Una posizione, quella dell’ente guidato da Vincenzo De Luca, che potrebbe risultare decisiva alla luce delle parole pronunciate dal sottosegretario Enrico Zanetti che, nel corso della festa di Scelta civica tenutasi a Salerno lo scorso fine settimana, aveva detto di attendere una decisione ufficiale da parte della Regione Campania. Ratificato, infine, il cambio di denominazione dello scalo che si chiamerà “Costa d’Amalfi e del Cilento”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.