Pizzeria Betra Salerno

I 66 passaggi di Ramzi Aya

WE3_2395
Che nel gioco di Ventura il pallone passasse per la difesa questo era noto, che la manovra potesse essere più fluida con lui in campo, questo era meno prevedibile. L’impostazione e il gioco palla non sono mai state le sue doti, eppure, Ramzi Aya ha dimostrato che lì dietro può giocare come vuole il tecnico ligure. Sono 66 i passaggi effettuati nel match contro il Livorno per l’ex Pisa, uno dei più positivi nella gara di ieri, di questi “tocchi” 62 sono andati a buon fine, un numero importante per un difensore in un complessivo totale di 491 passaggi effettuati dai granata. Due falli fatti e diversi duelli vinti dal romano che ha provato anche il tiro al 25esimo della prima frazione di gioco, senza successo. Gioco “facile” sull’esterno, con Kiyine sul suo versante o appoggio verso Maistro e Dziczek, qualche lancio lungo per Djuric o Jallow in diagonale, questa la gara del 18 che ha dovuto tene d’occhio anche le incursioni di Marsura nei trenta minuti a disposizione dati da Roberto Breda, avversario ostico anche Franco Ferrari nella ripresa, l’attaccante spesso tendeva a spostarsi sugli esterni anche per far spazio ai compagni. Già quattro le presenze con i granata per il difensore che a febbraio ha spento 30 candeline, 314 i minuti giocati fin qui, tre le gare da titolare contro Benevento, Trapani e Livorno, con lui in campo la Salernitana non ha mai perso.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.