Pizzeria Betra Salerno

Grassadonia si gioca tutto: il suo Foggia con gli ex Busellato e Mazzeo

Contro i granata il tecnico salernitano ripartirà dal 3-5-2

Luca Viscido

Atteggiamento pacato, tranquillo, predilige un gioco offensivo, il trainer salernitano Gianluca Grassadonia porta avanti il suo credo tattico al Foggia. Alla sua squadra chiede giro palla, “usare” le corsie, molto attento anche alla fase di non possesso.

Il suo Foggia quest’anno è quasi sempre sceso in campo con la difesa a tre, alternando il 3-5-2 o il 3-4-3. Complice una dura penalizzazione inflitta al club pugliese ad inizio anno, la sua stagione sulla panchina dauna è stata caratterizzata da un esonero con successivo richiamo lo scorso marzo. La carriera dell’allenatore salernitano non è costellata di grandissimi successi, vista comunque la sua giovane età.

La prima vera esperienza da allenatore è proprio alla guida della Salernitana, quell’annata finì con l’esonero e retrocessione del club granata. Le sue migliori esperienze sono state a Pagani, quando dopo qualche anno di  militanza in seconda divisione del club campano, riportò  gli azzurro stellati in Legapro Prima Divisione. Altra promozione quella di Messina, sempre nella stessa categoria.

La seconda occasione importante su una panchina di serie B è quella datagli nella stagione scorsa dalla Pro Vercelli. Purtroppo però non riuscì nell’intento di salvare il club piemontese dalla retrocessione in serie C. Domani i satanelli dovrebbero scendere in campo con lo stesso spartito tattico della sfortunata trasferta di Cremona e quasi lo stesso undici. Leali a difendere i pali. La difesa a tre dovrebbe essere composta da Loiacono, Martinelli e Ranieri. Il centrocampo a cinque, da Gerbo a destra con Cicerelli sul versante opposto, al centro Greco come play basso ed ai suoi lati Busellato sul centro destra e Kragl sul centro sinistra. In avanti Matarese dovrebbe affiancare l’altro ex di turno Fabio Mazzeo.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.