No Signal Service

Granata in musica, le pagelle di Marco Montefusco

I voti e la canzone della settimana per Salernitana - Como

TERRACCIANO 6: Serata senza lavoro, per il portiere che prova a metterci del suo in un paio di uscite, ma gli avversari, troppo scarsi, non ne hanno approfittato.

COLOMBO 7,5 una gran bella partita la sua considerando che i suoi mezzi sono comunque limitati, merita il voto alto quando, con la Salernitana a cambi ultimati, ci fa ricordare di Beckenbauer restando in campo su una sola gamba per onore della firma;

EMPEREUR 5,5: non è lucidissimo e pecca qua e là non dando sicurezza al reparto. Si ferma per infortunio e viene sostituito.

(Dal 66′) FRANCO 5,5 buttato in campo per l’infortunato Empereur fa venire i brividi a tutto lo stadio che si ricorda quando fu il tecnico di Cetara a schierarlo centrale con risultati disastrosi, comunque il buon Michele ci mettete l’anima e va bene così.

TUIA 6,5: partita di sostanza per il nostro calciatore bandiera, ci mette il cuore e dimostra che in buone condizioni avrebbe potuto dare un grande contributo alla Salernitana, prova anche qualche sortita in attacco, ma non era il suo momento.

ROSSI 5,5: Pronti via mentre già tutto lo stadio gli stava bestemmiando di tutto contro perché avrebbe cercato di fare l’ennesimo cross inutile e sbagliato del suo campionato, lui stupisce tutti mettendo una palla al bacio che il buon Donnarumma deve solo girare in rete. Poi si ricorda che è uno dei più scarsi della rosa e torna sui suoi soliti livelli. Per me la sufficienza la può prendere solo al fantacalcio con il +1 dell’assist

ZITO 6: farraginoso, quasi inutile e spocchioso, riesce a farsi addirittura recuperare in un contropiede da un difensore del Como che era caduto…. merita il 6 solo per la scenetta che ha fatto sul cambio, vede la lavagna col suo numero, si gira e va passeggiando verso il centrocampo facendo finta di niente, quando l’arbitro gli fa notare che deve essere proprio lui ad uscire lui meravigliato si blocca e dice: “ma come proprio io?” Ne approfitta quindi per salutare tutti in campo compreso Gatto che tiene bloccato sulla linea di bordo campo al fine di perdere altro tempo

(dal 62′) GATTO 5,5: vorrebbe entrare in campo e distruggere tutto, ma Zito lo blocca li perché così gli passava per la testa, quando riesce ad entrare cerca con la sua corsa di spezzare la gara è di ridare vigore ad una Salernitana spenta dal 20′ del primo tempo… Purtroppo non ci riesce neanche lui.

MORO 5: Per lui una partita molto sotto tono, in difficoltà quasi sempre non riesce ad imbastire trame interessanti, non era in forma ed ha pagato lo scotto.

(Dal 46′ ODJER) 5,5 Non è il solito furetto ed è per questo che non è stato schierato titolare, ma quando Menichini si è reso conto che Moro stava assai giù ha deciso di metterlo in campo. Subito ci siamo accorti che stava scarico quando ha toccato il primo pallone solo dopo 10 minuti di partita (cosa non da lui), ci mette il cuore, speriamo torni ai suoi livelli per le prossime decisive due partite.

PESTRIN 6,5 Con i giovanotti contro lui mette muscoli e cervello in campo e fa una delle sue migliori partite, recupera e non butta le palle a casaccio giocando anche per il compagno di reparto in affanno

NALINI 6: dimostra di essere uno dei migliori giocatori in rosa, forse quello con le doti tecniche superiori agli altri, la sorte non gli da quel quid in più e non riesce a sfondare. Nel finale di gara indietreggia come terzino per sopperire all’infortunato Colombo che stava fermo a centrocampo.

CODA 6,5: sempre presente quando c’è da fare a sportellate, ha un paio di sprint interessanti e prova anche il tiro con poca fortuna, sfortunato quando può metterla dentro ma Donnarumma decide che non era il momento di fornirgli l’assist vincente.

DONNARUMMA 6; sembra essere la sua partita quando la mette dentro ad inizio partita, dopo poco fa gridare a tutto lo stadio “GOOL”, ma la palla si ferma sul palo interno. Sprecone doveva farne almeno un altro

MENICHINI 6: sufficienza perché ha portato la vittoria a casa con una squadra piena di infortunati, ma come al solito non riesce a toccarci il cuore.

 

Canzone della settimana: Fiorella Mannoia – Fino a che non finisce

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.