Pizzeria Betra Salerno

Granata in musica, le pagelle di Marco Montefusco

I voti e la canzone della settimana per Salernitana-Entella

TERRACCIANO 6,5: dopo pochi minuti compie un miracolo deviando sul palo un tiro pericoloso di SINI, nel secondo tempo e’ meno preciso: la febbre e’ risalita

COLOMBO 7: segna il gol del pareggio, copre bene e sembra un altro giocatore, la cura MENICHINI sembra funzionare. Migliore in campo

FRANCO 5,5 : non mi fa impazzire perché nel 4 4 2 dovrebbe contenere di più, invece non c’è mai o quasi in fase di copertura. Oggi non funziona l’intesa con BAGADUR

BAGADUR 5,5: paga l’inesperienza, va in affanno ed e’ costretto a coprire anche le sbavature di un FRANCO troppo galeotto

BERNARDINI 5,5: si gioca in notturna e la difesa balla un po’ troppo nel primo tempo, corregge il tiro nella ripresa

MORO 6,5: dopo questo tour de force farà di sicuro una pausa rigenerante in un centro benessere

PESTRIN 5,5: fa quello che può, sa bene che 90 minuti in serie b sono troppi per lui

ZITO 6: si presenta con un bel tiro dal limite, poi gli riesce più la fase di contenimento che quella propositiva

(Dal ’78) CECCARELLI 4: da un giocatore d’esperienza come lui ci si aspetta di più, stasera l’ha combinata grossa

GATTO 6 : ottimi spunti individuali, tanta corsa ma poco addentrato negli schemi

(Dal ’69) OIKONOMIDIS s.v.

(Dal 62′) BUS : 6 sicuramente era il minuto 17 quando si è fermato nel primo tempo. Si riprende e nel secondo tempo porta i granata in vantaggio con un guizzo di vitale importanza per l’economia del campionato granata

(Dall’89’) BOVO s.v.

CODA 5: orfano del suo compagno preferito (DONNARUMMA) non ha riferimenti, il centrocampo non è dinamico di conseguenza è isolato, fa un lavoro più sporco del solito, si divora un gol all’ultimo minuto che pesa come un macigno.

MENICHINI 6: déjà vu: era l’ultima con la Casertana, aveva lasciato la Salernitana con gli “smile” della curva sotto le note di MORO con la magnifica “nessun dorma”. Inserisce Colombo al posto di un CECCARELLI non al top della condizione, lascia in panchina DONNARUMMA per mettergli un po’ di pepe e viene ripagato dal gol (quello è poco altro, ma è ciò che conta) di BUS. Quello che succede a un minuto dalla fine non deve pesare sul morale, bastava addormentarsi un poco dopo e magari fingere qualche crampo qua e là….

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.