No Signal Service

Granata All-in, dietro Gondo e Simy c’è Ribery – MATCHDAY PROGRAMME

Potrebbe partire così Fabrizio Castori, Tudor se la gioca con i due trequartisti dietro Simeone. Contro i butei mai in A.

Probabili Formazioni

SALERNITANA (3-4-1-2) - Belec, Gyomber, Strandberg, Gagliolo, Kechrida, M. Coulibaly, L. Coulibaly, Ranieri, Ribéry; Gondo, Simy. All. Castori

HELLAS VERONA (3-4-2-1) – Montipò, Dawidowicz, Magnani, Günter, Faraoni, Tamèze, Bessa, Lazovic, Barak, Caprari, Simeone. All. Tudor

Arbitro: Irrati di Pistoia – Liberti/Yoshikawa. Quarto Uomo: Santoro. Var: Ghersini. Avar: Imperiale

FP1_8247

“Concentrati per fare la nostra partita”

Parla mister Castori

“Domani mi aspetto che la squadra confermi i progressi mostrati contro l’Atalanta e faccia una prestazione importante per tutto l’arco della partita. Dobbiamo giocare con lo stesso ritmo e la stessa intensità per tutta la gara perché abbiamo la necessità di fare punti. Il Verona è un avversario di valore che merita rispetto ma dobbiamo essere concentrati nel fare la nostra partita per ottenere un risultato positivo”. Queste le parole del tecnico granata Fabrizio Castori alla vigilia di Salernitana – Hellas Verona.

Il mister ha quindi concluso: “La condizione della squadra sta crescendo, domani torna a disposizione Veseli, un giocatore che può dare un contributo importante alla squadra. Il supporto del pubblico sarà fondamentale anche domani perché ci aiuterà a superare le difficoltà che possiamo incontrare durante la gara”.

SCONTRI DIRETTI

Salernitana e Verona non si sono mai affrontate in Serie A e in Coppa Italia; contano però 38 precedenti in Serie B, con 11 vittorie campane, 11 pareggi e 16 successi veneti. La Salernitana ha vinto solo una delle ultime 10 sfide di Serie B contro il Verona (1-0 nel settembre 2018 in casa): nel parziale cinque successi veneti e quattro pareggi. Il Verona è rimasto imbattuto nelle ultime due trasferte di Serie A contro squadre campane (pareggio contro il Napoli a maggio e successo sul Benevento a marzo), dopo aver perso tutte le precedenti 13.
Nelle ultime cinque sfide casalinghe di Serie B contro il Verona, la Salernitana ha messo a segno esattamente un gol in ogni match (ultima volta con almeno due reti all’Arechi nell’agosto 1997, 2-0). Dopo una serie di quattro successi consecutivi, il Verona non è riuscito a vincere nessuna delle due sfide più recenti contro squadre neopromosse in campionato: pareggio 1-1 contro lo Spezia e sconfitta 1-2 contro il Crotone, entrambe lo scorso maggio.

STATO DI FORMA

La Salernitana ha giocato una sola partita nella sua storia di mercoledì in Serie A: sconfitta 1-3 in casa contro il Cagliari nel gennaio 1999. La Salernitana ha perso le quattro partite giocate finora in questo campionato: in Serie A non ha mai registrato cinque sconfitte di fila (in precedenza quattro anche nel 1948). La Salernitana è la terza squadra che ha incassato almeno 12 gol nel corso delle prime quattro partite giocate di un campionato di Serie A dall’inizio dello scorso decennio, dopo il Sassuolo nel 2013/14 (15) e il Benevento nel 2020/21 (12). Dopo aver perso le prime quattro partite di questa Serie A, la Salernitana potrebbe diventare la seconda squadra negli ultimi 10 anni a trovare la sconfitta in tutte le prime cinque gare stagionali di campionato, dopo il Benevento nel 2017/18. Il Verona, che ha vinto l’ultimo match di Serie A contro la Roma, non infila due successi di fila nella competizione da settembre 2020 (in quel caso uno dei due a tavolino). Dopo una serie di sette trasferte senza sconfitte in Serie A (3V, 4N), tra ottobre 2020 e gennaio 2021, il Verona ha perso ben otto delle ultime 12 gare esterne di campionato (2V, 2N).

FP1_7336

STATISTICHE GENERALI

La Salernitana è, con Spezia e Sassuolo, una delle tre squadre che non ha ancora segnato in incontri casalinghi in questo campionato. La squadra campana inoltre è quella che fatica di più a trovare la conclusione nel torneo in corso: appena 33 tiri – il Verona è al terzultimo
posto, con 38. Verona e Salernitana sono due delle cinque squadre che non hanno incassato gol nel corso dei primi 30 minuti di gioco in questa Serie A (insieme ad Atalanta, Roma e Sassuolo). Tuttavia, la squadra campana ha incassato 11 reti nel corso della ripresa, almeno quattro in più di ogni altra formazione nel torneo in corso. Alle sue spalle, proprio il Verona a quota sette. In generale, la Salernitana ha subito 71 tiri nel corso delle prime quattro giornate di Serie A, una media di 17.8 a partita: nei cinque maggiori campionati europei in corso hanno fatto peggio finora solo Newcastle (18.6), Leeds (18.4) e Tottenham (18). Sono tre i legni colpiti dalla Salernitana in questo avvio di campionato, nessuna squadra ne conta di più (alla pari di Napoli, Torino e Roma).

FOCUS GIOCATORI

Il Verona è la squadra contro cui Franck Ribéry ha giocato più minuti senza mai segnare gol o servire assist da quando milita in Serie A (296 minuti in campo). Franck Ribéry, già il giocatore della Salernitana può anziano ad essere sceso in campo nel massimo campionato nell’era dei tre punti a vittoria (38 anni, 164 giorni v Atalanta), può diventare in generale il marcatore più anziano nella storia di questa squadra in Serie A: al momento il record è di Sebastiano Vaschetto, con 31 anni e 51 giorni contro la Pro Patria nel maggio 1948. Simy non ha ancora segnato in questo campionato: il giocatore nigeriano ha sempre timbrato il cartellino almeno una volta nelle prime cinque presenze in una stagione di Serie A. Tuttavia, Simy non segna in Serie A nel mese di settembre dal 2016 (da subentrato contro l’Atalanta con il Crotone). Nessun giocatore ha effettuato più respinte difensive di Norbert Gyömbér in questa Serie A (20, come Pietro Ceccaroni). Riccardo Gagliolo è l’unico giocatore attualmente alla Salernitana ad essere già andato a segno contro il Verona in Serie A: nel luglio 2020, con il Parma. La prossima sarà la 50ª presenza per Vid Belec e Pawel Dawidowicz in Serie A – tuttavia, il portiere sloveno ha esordito nella competizione tre anni, 10 mesi e 22 giorni prima del difensore polacco. Solo Petar Stojanovic (17) ha effettuato più contrasti di Pawel Dawidowicz (11) tra i difensori nel torneo in corso. Giovanni Simeone ha preso parte soltanto a due reti nelle ultime 13 sfide di Serie A contro squadre neopromosse: due reti e nessun assist. Kevin Lasagna ha segnato 24 gol in 108 presenze tra Serie A e B sotto la guida di Fabrizio Castori al Carpi. Considerando anche la fine dello scorso campionato, Marco Davide Faraoni è andato a segno in tre delle sue ultime cinque presenze nella competizione. A segno nell’ultima gara contro la Roma, Gianluca Caprari può andare in gol in due presenze di fila in Serie A per la prima volta da gennaio 2020. Koray Günter ha intercettato 15 palloni nelle prime quattro giornate di campionato, nessun giocatore ha fatto meglio (alla pari di Samir).

ALLENATORI

Igor Tudor è il primo allenatore ad aver vinto nel suo esordio con il Verona in Serie A da Andrea Mandorlini nell’agosto 2013; nell’era dei tre punti a vittoria, nessun tecnico ha trovato il successo in entrambe le prime due panchine con i gialloblù nella competizione. Fabrizio Castori ha vinto il suo unico precedente da allenatore in Serie A contro il Verona, nel marzo 2016 con il Carpi (2-1 con le reti di Di Gaudio e Lasagna). Prima dell’esperienza con la Salernitana, Castori non aveva mai perso quattro partite di fila da allenatore in Serie A

 

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.