Pizzeria Betra Salerno

Giannetti c’è

La Salernitana recupera l'attaccante dopo lo stop forzato a Cosenza, tornano anche i Nazionali: domani Jallow in Italia.

WE1_9877

Giannetti sì, Jallow forse. Bisognerà attendere ancora qualche giorno per definire la coppia d’attacco che lunedì sera sfiderà il Benevento nel Principe degli stadi. Niccolò Giannetti è tornato a disposizione di Ventura, dopo lo stop contro il Cosenza l’ex Cagliari è pronto a scendere in campo nel posticipo continuando sulla scia di quanto fatto fin qui. Al suo fianco dovrebbe esserci Lamin Jallow, il gambiano tornerà in Italia domani, nella stessa giornata sarà al servizio del tecnico genovese per riprendere il lavoro al Mary Rosy.

I ritorni

La pausa Nazionali ha riportato, con il sorriso, anche Karo e Dziczek, il cipriota sarà del match contro i sanniti, pronto a occupare quella posizione di centrodestra disegnata da Gian Piero Ventura nello scacchiere arretrato. Sorriso, dicevamo, per Dziczek, con la maglia della nazionale polacca ha trovato anche la rete dal dischetto e chissà, lunedì sera potrebbe anche esserci l’esordio all’Arechi nonostante il doppio impegno ravvicinato.

Minuti per Dziczek?

Ventura ha spiegato più di una volta che il ragazzo ha ottime qualità ma deve inserirsi nell’ottica del centrocampo granata, tra movimenti e spostamenti, fondamentali soprattutto in una gara come quella contro il Benevento, contro giocatori di alto livello e preparati dal punto di vista tattico, per Dziczek potrebbe esserci spazio anche a gara in corso visto il crac di Akpa Akpro che lo terrà lontano dal campo per almeno 30 giorni.

Ci prova Kiyine

A lavoro, intanto, Heurtaux. Il difensore francese continua a correre per mettersi alla pari con i compagni dal punto di vista atletico, ancora fermi al palo invece Billong e Lombardi, per entrambi solo lavoro fisioterapico. Ventura spera di ritrovare anche Sofian Kiyine, il marocchino però difficilmente potrà partire dal primo minuto dopo la botta rimediata al Marulla, la pausa ha consentito un recupero importante ma il mister non ha intenzione di rischiarlo, servirà attendere almeno le prossime 48 ore per farsi una idea delle sue condizioni.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.