No Signal Service

Futuro granata, vertice a Roma: Fabiani resta, in bilico Menico

Su via Bacco per ballare e ricominciare, comincia così la nuova stagione granata, a San Gregoria Magno la sede del ritiro deciso dalla società, non dal tecnico Leonardo Menichini che aveva chiesto di guardare altrove, in Abruzzo in particolare, questioni di organizzazione di lavoro ma c’è chi ha deciso per lui. E una piccola frattura al pronti via, ancor prima della ufficiale riconferma del mister di Ponsacco, così come quella relativa ad Angelo Mariano Fabiani, anche se ieri il diesse era a Rieti per discutere con la società laziale di alcuni calciatori, in particolare Fabio Maistro che il dirigente romano vorrebbe portare in granata dopo averlo cercato già a gennaio.

Nonostante il contratto in scadenza l’approccio di Fabiani fa pensare a una più che probabile riconferma, di contro l’altissima percentuale di “non gradimento” da parte della tifoseria nei confronti del manager ex Messina. L’impressione, quindi, è che la Salernitana possa ripartire ancora da lui per costruire la stagione 2019/2020, più che ombre, invece, sul futuro di Menico. Nelle prossime ore è previsto un summit a Villa San Sebastiano, quartiere generale del co-proprietario Claudio Lotito, al tavolo proprio Angelo Mariano Fabiani e l’altro azionista dei granata Marco Mezzaroma.

Le stesse valutazioni annunciate da quest’ultimo al Castello Arechi finiranno su quel tavolo tutto romano, con il primo nodo da sciogliere legato proprio al tecnico. Menichini forte di un rinnovo “automatico” non è sicuro di sedere sulla panchina della Salernitana, in agenda del direttore Fabiani sicuramente sono segnati alcuni nomi, alternative al mister toscano che il dirigente vorrà proporre alla proprietà. Un “ribaltone” della guida tecnica che sarebbe l’ennesimo colpo di scena d’inizio campionato, tutto dipenderà dal “peso” decisionale affidato ancora una volta ad Angelo Fabiani.


No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.