No Signal Service

FOTO – Che impresa la Salernitana Mini Giovanissimi 2003: campionato stravinto!

FOTOGALLERY - Le immagini e il racconto di una impresa storica del gruppo guidato da mister Mercurio: in 20 partite miglior attacco con 136 reti e miglior difesa con 21 gol subiti

Quando calpestarono il prato verde dell’Arechi nel pre-partita e nell’intervallo, prima e dopo la gara dei più grandi, la Curva Sud Siberiano li accolse con un lungo e imponente applauso. Erano e sono la Salernitana mini Giovanissimi 2003, giorno dopo giorno quei ragazzi, guidati dal mister Gianfranco Mercurio, hanno lavorato tanto e si sono divertiti dimostrando a tutti cosa significa mettere sul prato verde le emozioni più belle. Così hanno vinto loro, con una impresa eccezionale. In un campionato a 11 squadre, 16 vittorie e solo 4 sconfitte, ben 136 reti fatte con il miglior attaccato della categoria, solo 21 le reti subite e miglior difesa del campionato.

Sono tutti nati nel 2003, hanno giocato contro ragazzi più grandi nati nel 2002, particolare non trascurabile per chi conosce il settore giovanile. Addirittura nell’ultima parte del campionato questi granatini hanno affrontato squadre che hanno schierato allievi 2002 regionali essendo terminati appunto i campionati di riferimento. Nel contempo due importanti pedine del gruppo 2003 si sono aggregati al gruppo 2002 regionali, quindi, mentre le altre si “rinforzavano” paradossalmente la squadra guidata da mister Mercurio, con il dirigente accompagnatore Mauro Cappuccio e il dirigente dello Staff Fabrizio Fabiani, ha perso componenti di qualità, una qualità riscoperta a lungo andare in ogni singolo e nel gruppo di “cemento” che ha portato avanti la sua filosofia di compattezza.

Unità d’intenti e qualità che non hanno fatto sfigurare neanche nei tornei a cui la Salernitana mini Giovanissimi 2003 ha partecipato durante il campionato. Tornei a Pescara e Cascina giocando con Juve, Lazio e Pescara, tutte gare in cui i piccoli granata non hanno mai perso.

Motivo di gioia e di vanto, questi 19 ragazzi, il loro allenatore e lo staff, hanno ottenuto una vera e propria impresa. Loro sì che meriterebbero l’ovazione dell’Arechi.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.