Assistenza computer salerno e provincia

Fonderie Pisano, stop ai licenziamenti: operai in cassa integrazione

Dopo l’incontro di ieri mattina a Napoli, tra Regione Campania, azienda e sindacato, è stato ha disposto un fondo di ben 28 milioni d’euro per tutte le maestranze in difficoltà all’interno del territorio campano

Federica D'Ambro

E’ stato raggiunto l’accordo per i lavoratori delle Fonderie Pisano che permetterà loro di acquisire la cassa integrazione in deroga. Dopo l’incontro di ieri mattina a Napoli, tra Regione Campania, azienda e sindacato, è stato ha disposto un fondo di ben 28 milioni d’euro per tutte le maestranze in difficoltà all’interno del territorio campano. Come rivelato dal quotidiano La Città. Dunque, per almeno i prossimi sei mesi saranno rimandi i licenziamenti del personale.

“Da parte del sindacato – annunciano Anselmo Botte della Cgil Salerno e Francesca D’Elia, segretario provinciale della Cgil Fiom – vi è una contenuta soddisfazione. Il grosso della vertenza è ancora da farsi, ma di sicuro è un passo importante. Il nostro obiettivo primario rimane la ripresa delle attività produttive con la conseguente difesa dell’occupazione, dato che solo in questo modo si potrà procedere con la delocalizzazione, vero punto finale della vicenda”.
In questi sei mesi, però, bisogna trovare una soluzione reale per i lavoratori e che possa portare le Fonderie Pisano a riaprire i battenti in un altro sito.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.