Taste - Sapori mediterranei

Fondazione Carisal, il bilancio delle attività: “Puntiamo su cultura e turismo”

Il presidente Alfonso Cantarella ha fatto il punto sui primi sei mesi dell'anno

Federica D'Ambro

“Probabilmente l’anno 2015 è stato difficile visti gli effetti a ribasso dei mercati finanziari- ha dichiarato il Presidente della Carisal, Alfonso Cantarella- L’andamento è stato altalenante nell’ambito dei proventi, ma grazie agli investimenti fatti dalla Cassa depositi e prestiti, siamo arrivati alla cifra di 500mila euro. Il nostro auspicio è di continuare su questi passi”.
E’ stato reso noto questa mattina il bilancio dei primi sei mesi di attività della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitano. Un anno quello 2015/2016 produttivo grazie alle numerose attività culturali svolte sul territorio.
Numerosissime, infatti, sono state le iniziative, culturali e sportive, che hanno coinvolto esperti del settore e studenti universitari e liceali. Dalla mostra fotografica in memoria di Pier Paolo Pasolini, al Festival di Letteratura, che ha visto tre giovani ricevere il “Premio Strega”.
Passando per la finanza con il meeting nazionale ed internazionale di Conoscere la Borsa, fino ad arrivare al teatro con l’iniziativa Mythos Festival e la fondazione di una scuola di giornalismo Post Laurea, presso l’Università degli Studi di Salerno.
Senza tralasciare le tematiche sociali come il progetto “Il Sole Buono” finalizzato a rendere migliore il reparto di radioterapia pediatrica dell’ospedale Ruggi d’Aragona. Ingenti anche le donazioni di beneficenza per i giovani diversamente abili. Senza dimenticare il settore ambientale con il Campania EcoFestuival, che ritornerà nel periodo natalizio, realizzando anche una mostra nell’ambito del riciclo.

Ma come ha confermato Cantarella questa mattina, siamo solo ai primi sei mesi di attività. Ci sono altre iniziative chiuse nel cassetto pronte per essere messe in azione. A breve, infatti, verrà indetta una call erasmus per circa 100 studenti, dando la possibilità di viaggiare in diversi paesi europei lavorando nel campo dell’agricoltura, enograstronomia e nell’accoglienza alberghiera. Per ultimo, ma non per importanza, sarà lanciato un progetto per rendere la città di Salerno adatta al turismo, trasformandola in una smart city. Da settembre inizieranno una serie di conferenze e incontri di lavoro per raggiungere l’obiettivo finalizzato al benessere e allo stile di vita dei cittadini.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.