Taste - Sapori mediterranei

Feeling Renzi- De Luca sullo sfondo della Stazione Marittima

I due ex sindaci hanno annunciato un forte impegno per il sud consegnando la guida della ripresa alla Campania

Federica D'Ambro

“Penso che soltanto chi vive di pregiudizio non si renda conto di quanto grande sia il capolavoro che viene fatto in questa città e la trasformazione urbanistica in atto”. Il premier Matteo Renzi elogia Salerno prima di entrare nella stazione marittima, progettata da Zaha Hadid, che si inaugurerà domani. “Si tratta – ha aggiunto – di uno dei più straordinari capolavori che si collega a tutto quello che sta facendo Salerno ed è meraviglioso. Penso sia anche un modo per ricordare la grandissima architetta e artista che è stata Zaha Hadid. Salerno sta vivendo una fase di trasformazione, anche grazie al contributo di archistar, strepitoso”. Ricordando l’impegno di domani per il vertice internazionale che ha fatto saltare la sua presenza all’inaugurazione di domani, il premier ha sottolineato: “Non potevo però mancare oggi e fare il mio tributo alla bellezza dell’opera di Zaha Hadid recentemente scomparsa. A memoria non credo che ci siano altre realtà come quella di Salerno, con grandi personalità che contemporaneamente disegnano il tessuto urbano della città. Dopo la Berlino post muro non ci sono altri esempi, a mia memoria. Credo sia un fatto bello. Il mio grande in bocca al lupo per domani a tutti voi. Avremmo dovuto domani festeggiare questo momento insieme a lei, è andata diversamente, la ricorderemo con un velo di tristezza, ma sono sicuro che le avrebbe fatto piacere questo momento”. “Voglio ringraziare il premier Matteo Renzi per il grande affetto dimostrato oggi. Non è scontato trovare un premier che faccia gesti di affetto e incoraggiamento come ha fatto lui”. Ha invece detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso del blitz di Renzi. “Se recuperiamo il ritardo del Sud, anche il trend di crescita del nostro paese sarà paragonabile a quello della Germania. Occorre lavorare- ha avvertito il governatore-. Noi abbiamo a disposizione oggi 10 miliardi di euro da qui al 2020; questa mattina abbiamo firmato a Napoli il patto per la Campania che attribuisce alla regione Campania 2 miliardi e settecento milioni di euro dei fondi della coesione. Ci siamo impegnati a spendere i primi 500 milioni di euro nei prossimi due anni. Dobbiamo essere capaci di impegnare fino all’ultimo euro e non sprecare neanche una minima risorsa. Se saremo capaci di far decollare i cantieri, allora davvero l’economia della Campania riparte in grande. Abbiamo fatto un lavoro straordinario. Adesso – aggiunge De Luca – dobbiamo essere bravi per quanto riguarda i progetti esecutivi e bravi nel dotarci di una macchina amministrativa e progettuale tale da farci spendere tutti i soldi, io sono fiducioso”. Su Salerno, infine, ha ribadito: “Credo che ci avviamo a completare tutto il grande programma di trasformazione urbana della città. La trasformazione urbana che avuto Salerno credo sia un caso unico e non ha non ha paragone con nessun’altra città italiana. Ci sono stati problemi, ci sono stati anche errori progettuali, iniziative giudiziarie, ma con qualche fatica, completeremo il programma gigantesco che ha dato una nuova identità e un nuovo futuro alla nostra città. Si tratta di qualcosa di straordinario che devi inorgoglire”. “So – ha spiegato invece il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli in merito all’inaugurazione di domani – che Zaha Hadid teneva molto a questa opera alla quale aveva dedicato una particolare attenzione. Tenderemo di mantenere il ricordo di questa grande personalità anche con altre iniziative culturali”. Una visita che ha fatto emergere con una certa chiarezza il feeling tra l’ex sindaco di Salerno e l’ex sindaco di Firenze. “Ci saranno molte inaugurazioni da fare a Salerno nei prossimi mesi. Come sapete, il vostro presidente della Regione ha una certa particolare sensibilità nel chiedere i soldi e nel farlo per Salerno”. Matteo Renzi lascia la città campana al termine di un intenso tour e nel salutare i presenti, prima di salire in auto, si definisce con ironia “l’assistente di De Luca”. Forte, come di consueto, la sintonia tra i due che non risparmiano apprezzamenti reciproci: il governatore dice che “Napoli e la Campania non hanno mai ottenuto tanta attenzione da parte di un Governo”, Renzi a Napoli ripete che con De Luca alla guida la Campania “potrà far aumentare non solo il proprio pil, ma quello del Paese”. Quella di oggi è stata la terza visita del presidente del Consiglio in Campania nel mese di aprile. “Abbiamo firmato – ricorda il premier prima di lasciare Salerno – il primo dei 15 patti che intendiamo siglare per il Sud. È un impegno straordinario per rimettere il Mezzogiorno in marcia. Se il Sud riparte, l’Italia riparte e diventa la locomotiva d’Europa. Il Sud ha tutto per farcela e la Campania ne è la guida. Vincenzo De Luca ha chiarito, con la concretezza che non gli manca, la grande opportunità che è il patto per la Campania. Se ci staremo reciprocamente col fiato sul collo, finalmente le cose potranno accadere. Chi ha fatto il sindaco sa che l’unico modo per far partire i lavori dei cantieri è quello di seguirli”.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.