Taste - Sapori Mediterranei

Fase 2, misure previste per le persone con disabilità

Le misure illustrate dal Garante dei Disabili della Regione Campania, dalla riattivazione dei centri alle visite in Rsa, uso delle mascherine e attività all'aperto

Queste le dichiarazioni del Garante dei Disabili della Regione Campania, avv. Paolo Colombo dopo l’annuncio della fase 2 da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri, prof. Giuseppe Conte: “Con il decreto del 26 aprile, il Governo ha dato il via alla fase II, dal 4 al 18 maggio, ovvero quella del rilancio in cui dovremmo convivere con la pandemia e senza abbassare la guardia, dovremmo gradualmente raggiungere la normalizzazione. Qui di seguito presento una sintesi delle misure previste per le persone con disabilità:

RIATTIVAZIONE CENTRI SEMIRESIDENZIALI

L’articolo 8 del DPCM titola:Ulteriori disposizioni specifiche per la disabilità, con queste disposizioni:
1. Le attività sociali e socio-sanitarie erogate dietro autorizzazione o in convenzione, comprese quelle erogate all’interno o da parte di centri semiresidenziali per persone con disabilità, qualunque sia la loro denominazione, a carattere socio-assistenziale, socio-educativo, polifunzionale, sociooccupazionale, sanitario e socio-sanitario vengono riattivate secondo piani territoriali, adottati dalle Regioni, assicurando attraverso eventuali specifici protocolli il rispetto delle disposizioni per la prevenzione dal contagio e la tutela della salute degli utenti e degli operatori.

USO DELLE MASCHERINE

È stato ribadito l’obbligo di utilizzare le mascherine protettive in presenza di altre persone: anche sui mezzi pubblici e anche quando si andrà a fare visita ai congiunti (e sempre evitando assembramenti). Per evitare speculazioni si abbasseranno i prezzi, giungendo ad un costo che è stato fissato di massimo 0,50 euro al pezzo al netto di IVA. L’articolo 3 del DPCM, che contiene queste disposizioni, specifica al comma 2 anche una deroga all’obbligo dell’uso di mascherine per bambini sotto i 6 anni e persone con alcune forme di disabilità:
Ai fini del contenimento della diffusione del virus COVID-19, è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.

VISITE NELLE RSA

All’articolo 1, voce x) è specificato che:
l’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

ATTIVITA’ ALL’APERTO

All’articolo 1, voce f) è specificato che:
non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; è consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.