No Signal Service

El pollo Valencia dalla terra di Salvador Allende

L'ultimo goal al San Paolo in Copa Sudamericana il 1 luglio. In Cile la Primera Division è partita a febbraio e adesso si è al giro di boa. Analisi sulle caratteristiche di Diego Valencia e come può giocare con Nicola.

Marco Rarità

Esultanza dopo una rete

Esultanza dopo una rete

La storia de “el pollo” è ricca di spunti interessanti, sotto l’aspetto culturale e nell’aspetto tecnico di un calciatore di prospettiva internazionale. Diego Martín Valencia Morello è nato Viña del Mar la ciudad jardin del Valparaiso, lì dove visse buona parte della sua infanzia ed è originario Salvador Allende. Difficile che Diego Valencia sappia che l’Arechi, lo stadio in cui giocherà sorge proprio nella via che porta il nome del presidente cileno. El pollo, che in Cile in gergo “familiare” assume il significato di ragazzotto, ragazzino scaltro e furbastro, sarà il primo cileno nella storia a vestire la maglia della Unione Sportiva Salernitana 1919. I social, nell’epoca moderna, aiutano tanto a capire il percorso di un ragazzo classe 2000, che professionalmente conosce una sola maglia: quella del Club Deportivo Universidad Católica di Santiago. Cruzados doc, è cresciuto nelle giovanili dell’UC avanzando sempre di livello fino ad essere diventato un punto importante dell’undici base del Catolica. Nell’estate del 2019 forse uno dei momenti più brutti della sua vita. Un neurochirurgo entrò nella stanza dove era ricoverato e gli disse: “Ragazzo, 10 centimetri più su e saresti morto”. Cosa era successo, il 28 giugno di quell’anno Diego si allenava con i ragazzi dell’Accademia al San Carlos de Apoquindo quando la provincia di Santiago fu letteralmente stravolta da raffiche di vento. Una di queste sventrò buona parte della tendostruttura adibita a palestra nel complesso sportivo e dei ferri su cui era agganciato il tetto colpirono Diego e un altro calciatore. Una ferita lieve per il compagno ma Diego venne colpito alla testa, sanguinante e senza sensi fu trasportato d’urgenza in clinica dove gli fu riscontrata una frattura al cranio. Quando il ragazzo si svegliò la prima cosa che disse ai medici fu: “Quando posso tornare a giocare?”. Il sorriso dei dottori come un sospiro di sollievo anche perchè il giovane probabilmente non si rese conto di quanto avesse davvero rischiato la vita, nella riabilitazione (che durò meno del previsto) seguì anche un percorso psicologico per capire se avesse subito dei traumi dopo quell’incidente, torno ad allenarsi con un casco protettivo che tolse col passare dei giorni.

I suoi numeri nel 2021

I suoi numeri nel 2021

Un particolare delinea quello che è il suo processo di crescita, molti tifosi dell’Universidad lo vorrebbero come “9”, inteso come punta centrale, per la sua buona propensione al goal che viene sacrificata in una posizione da esterno. E’ di opinione popolare, infatti, che il ragazzo sia “bloccato” da Zempedri (goleador e leader tecnico della squadra) in quel ruolo da punta centrale e che quindi venga dirottato sull’esterno dove ha confermato di avere qualità importante e grande duttilità tattica con inserimenti giusti e puntuali in area di rigore. Può fare, quindi, sia la prima che la seconda punta (ha giocato anche come esterno di centrocampo ma è difficile che sia inquadrato in quel ruolo da Nicola). Può essere una variante tattica importante per il tecnico granata soprattutto nell’apertura di spazi e di gioco in ampiezza nella fase offensiva. Non velocissimo (è alto 185cm) è comunque abbastanza rapido nel breve ed esplosivo nelle giocate, prevalentemente destro ma gioca a sinistra per poter rientrare con il piede opposto, se la cava anche con il mancino in appoggio. Gode di una ottima tecnica individuale e di calcio, bravo anche di testa sfruttando, come detto, gli inserimenti e una visione di gioco non comune per la sua età. Da questo punto di vista sembra essere già maturo per l’Europa, per l’Italia, proverà a inseguire il suo sogno con la maglia granata addosso. Cosa non da poco è già nel giro della nazionale cilena, proprio insieme a Brereton Diaz (obiettivo granata).

Con Brereton Diaz in Nazionale

Con Brereton Diaz in Nazionale

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.