Taste - Sapori mediterranei

Ecco la pizzeria sociale nel carcere di Salerno

Da domani i detenuti potranno ordinare e mangiare la loro pizza, mentre dieci di loro saranno impegnati nel progetto destinato al corso di formazione per pizzaioli.

Presentazione progetto pizzeria

Taglio del nastro questa mattina all’interno della Casa Circondariale “A. Caputo” di Salerno, della Pizzeria Sociale “La Pizza Buona Dentro e Fuori”. Alla presenza di Rita Romano, direttrice della Casa Circondariale di Salerno, Carmen Guarino, Presidente della Fondazione Casamica, Antonia Autuori, Presidente della Fondazione Comunità Salernitana e Paola De Roberto, Consigliere Comunale di Salerno, si sono accesi per la prima volta i forni del locale pizzeria dedicato alla realizzazione di pizze “calde e fumanti” destinate ai detenuti, ma anche alla formazione di dieci ospiti del carcere.

“La pizzeria sociale all’interno del carcere di Salerno oggi prende vita – ha spiegato Carmen Guarino – anche grazie all’impegno di tanti amici e partners che hanno sposato e condiviso il progetto. Dalla Fondazione Comunità Salernitana, all’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Salerno e la Casa Circondariale, con la collaborazione di Fondazione Carisal e Camera di Commercio di Salerno ed i tanti cittadini che hanno partecipato alle nostre serate per la raccolta fondi”. Ad oggi, infatti, sono stati raccolti 25 mila euro, tutti spesi per ristrutturare e allestire la Pizzeria Sociale, in un locale all’interno del carcere usato nel tempo solo come deposito.

“E’ per noi una giornata importantissima – ha aggiunto Rita Romano, direttore della Casa Circondariale salernitana – perché segna l’apertura di questo posto verso l’esterno. Il carcere è un luogo che si deve aprire e diventare parte integrante della società. Il mio sogno, ed è su questo che stiamo lavorando, è quello di aprire questa pizzeria anche all’esterno. Nonostante le tante difficoltà e problematiche facciamo di necessità virtù e cerchiamo di capitalizzare ciò che abbiamo a disposizione. Puntando tanto sul capitale umano”.

Da domani, dunque, i detenuti potranno ordinare e mangiare la loro pizza, mentre dieci di loro saranno impegnati nel progetto destinato al corso di formazione per pizzaioli.

Inaugurazione carcere

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.