Assistenza computer salerno e provincia

Eboli: esercitazioni militari a Foce Sele, interpellata la Difesa

Il sindaco Cariello cerca un'intesa con il ministro Pinotti sul poligono di tiro alla marina di Eboli

admin

Un diverso utilizzo dell’area militare di Foce Sele, alla marina di Eboli. E’ questo l’obiettivo che il sindaco Cariello intende perseguire di concerto con l’esercito e il ministero della Difesa. In mattinata il primo cittadino ha preso contatti con i vertici del dicastero retto da Roberta Pinotti per un eventuale incontro nel quale proporre, appunto, un differente uso dell’area. Un uso che, sostanzialmente, non preveda esercitazioni di tiro contemplate invece dall’addestramento militare. Ogni anno, in primavera, periodo in cui ripartono le esercitazioni, riesplode la polemica legata non solo a una questione ambientale per il piombo lanciato in mare con le mitragliate di proiettili, ma anche alle proteste dei cittadini e degli operatori balneari che hanno investito sulla fascia costiera sperando di poter fare turismo e da anni denunciano i danni che questa attività causerebbe loro in tal senso.
«Un danno economico notevolissimo per le attività turistiche, e non solo, della fascia costiera ma anche un disagio evidente per turisti e bagnanti -precisa il sindaco di Eboli Massimo Cariello-. Chi sceglie le nostre spiagge per il periodo estivo non deve sopportare preoccupazioni e disagi. Sulla difesa delle nostre attività e della sicurezza non faremo sconti a nessuno, faremo sentire forte la nostra voce a tutela del territorio».
E’ di questi giorni la comunicazione del Comando di Difesa Interregionale Sud che attraverso l’Ufficio Logistico per il Demanio e le Servitù Militari ha disposto lo sgombero delle aree del poligono militare di Foce Sele in vista delle esercitazioni di tiro disposte per l’intero mese di settembre. Il primo cittadino chiama a raccolta forze politiche e rappresentanti istituzionali del territorio, in particolare i due parlamentari cittadini, il senatore Franco Cardiello e il deputato Antonio Cuomo, affinché sostengano ai livelli ministeriali «la nostra battaglia per dare certezza e libertà di operare lungo la fascia costiera». Per questo motivo, conclude il primo cittadino: «Chiederò un incontro urgente presso il ministero della Difesa affinchè la questione venga definitivamente risolta. Proporremo soluzioni condivise, senza contrapposizioni inutili, che rispondano alle esigenze del territorio tenendo conto delle necessità delle forze armate. Saremo in prima fila nella ricerca di una mediazione che contempli le esigenze di tutti senza che eventuali soluzioni ricadono su qualcuno. L’uso delle aree deve essere una risorsa, non un limite, per nessuno».

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.