Pizzeria Betra Salerno

Dopo 21 anni il Matera torna all’Arechi, l’ultima vittoria con Fulvio De Maio in porta

Pochi i precedenti tra la Salernitana e i lucani, i granata non li battono in casa dalla stagione 77/78

Marco Rarità

Sarà la seconda volta, nella storia della Salernitana, che la squadra lucana calcherà il verde prato dell’Arechi.

Era la stagione 93/94 quando le due compagini si incontrarono per la prima volta nel “principe” degli stadi. Quell’anno che si concluse con la vittoria al San Paolo ai danni della Juve Stabia, preceduta da una cavalcata entusiasmante degli uomini guidati da Delio Rossi, una rosa che entrò nella storia del club del cavalluccio.

Quella gara però non fu affatto elettrizzante, ne per i granata ne per il Matera, risultato ad occhiali e mugugni del pubblico dell’Arechi. In quello stesso anno fu più che amaro l’epilogo per i lucani con il Matera che venne retrocesso in C2 per illecito amministrativo. Un passo ancor più lungo nel tempo per rivivere un altro precedente tra le due squadre, questa volta al Vestuti nella stagione 80/81.

Un’annata a dir poco sfortunata per i granata che si salvarono dalla retrocessione all’ultima giornata, cosa che non riuscì al Matera che retrocesse anche quell’anno in C2, questa volta sul campo. Partita rocambolesca con i materani in vantaggio dopo soli 5 minuti, furono raggiunti sempre nel primo tempo da una rete del centrocampista granata Muzio Di Venere. A firmare il sorpasso Del Favero che dal dischetto non sbaglierà.

Una rimonta vana per la Salernitana che si vide “riagganciare” nel risultato con una rete di Genovesi per il Matera e la gara terminerà 2-2. Per trovare una vittoria granata bisogna ritornare alla stagione 77/78, era l’anno in cui la Salernitana cambiò denominazione diventando una società per azioni, tra i pali si conquistò un posto da titolare Fulvio De Maio e quella squadra superò senza tante difficoltà il Matera con due reti, la prima firmata da Gioia dopo neanche 180 secondi e all’inizio della ripresa arrivò il raddoppio del difensore Marchi.

 

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.