Donnarumma: “Non è stato bello sentirsi sempre messo in discussione”

"Mio rammarico più grande? Aver perso i tifosi granata.. loro mi hanno sempre dato tanto" le parole dell'ex attaccante granata ha parlato ai microfoni di RadioBussola24 nel consueto appuntamento radiofonico

Ha parlato, ufficialmente, per la prima volta dopo il passaggio all’Empoli Alfredo Donnarumma, lo ha fatto ai microfono di RadioBussola24, nello speciale appuntamento radiofonico delle 19.00 condotto da Alfonso Maria Avagliano, con gli interventi di Mauro Mazzarella.

“Suona strano sentirsi chiamare ex granata, sono stato due anni a Salerno, sono stato bene, i tifosi mi hanno sempre trattato alla grande. Però nel calcio si cambia e bisogna abituarsi. Sono andato via da Salerno perchè ero in scadenza e dall’altra parte c’era l’Empoli che ha mostrato di credere in me, mi volevano a tutti i costi e per un calciatore è importante”.

Ha proseguito Donnarumma: “Non conosco i dettagli del mio trasferimento, sono cose che conosce il mio procuratore. L’anno scorso non ho fatto niente per andare contro la società, sono stato sempre tranquillo e volevo restare a Salerno, poi è andata così. Il rimpianto più grande per me riguarda i tifosi, a me hanno dato tanto, quando ci siamo salvati ai play out è stato il momento più bello della mia carriera. Quest’anno sarà una serie B ancora più difficile, la Salernitana mi auguro che si possa salvare il prima possibile, per poi fare un campionato importante”. Ha continuato l’attaccante: “Personalmente ho sempre cercato di farmi trovare pronto ma sono stato sempre messo in discussione, non è stato bello per me, ma il calcio è questo e andiamo avanti, ora c’è questa nuova esperienza e proverò a fare bene. Il mio gol più bello a Salerno, quello in cui mi vengono i brividi e il gol in casa con il Bari, anche se poi abbiamo perso, poi in generale quelli sotto la curva della Salernitana. Con i ragazzi si era creato un bel gruppo”.

 

Commenti

I commenti sono disabilitati.