Pizzeria Betra Salerno

Di Gennaro contro Clemenza, la sfida della fantasia

Il centrocampista granata contro il suo passato, il ventunenne biancoscudato per sorprendere ancora

Carmine Raiola

Mancano pochi giorni a Salernitana-Padova.
Quello di domenica è match di grande importanza sia per la squadra granata sia per la formazione biancorossa poichè
se da un lato la squadra del cavalluccio marino vuole conquistare la prima vittoria della stagione, dall’altro i biancoscudati vogliono mantenere l’imbattibilità.
Salernitana-Padova sarà, inoltre, una “partita nella partita” tra Davide Di Gennaro e Luca Clemenza.
I due sono gli uomini più pericolosi delle proprie squadre poichè sia l’uno che l’altro con un’invenzione possono decidere la partita in qualsiasi momento, o andando in gol oppure facendo un assist ai propri compagni.
Di Gennaro non è una novità. Arrivato sul finire del mercato è la punta di diamante della squadra di Stefano Colantuono.
Nella sua prima ed ultima avventura in Serie B a Cagliari, ha dimostrato di essere un calciatore di categoria superiore.
In queste prime due uscite in maglia granata ha ben figurato in particolare nella trasferta di Lecce dove ha servito a Bocalon il pallone del primo pareggio granata.
I tifosi granata sperano che Di Gennaro continui a mandare i compagni in gol anche domenica ed in generale nel corso della stagione.
La mente del centrocampo granata è anche un ex di questa partita, infatti ha vestito la maglia dei veneti nella stagione 2010/2011.
Con i biancorossi Di Gennaro ha disputato 18 presenze ed è andato in gol per 5 volte, siglando anche la sua prima doppietta in carriera contro il Grosseto.
Nel corso della sua avventura nella città di Sant’Antonio, il centrocampista granata è stato vittima della rottura del tendine della gamba sinistra, infortunio che lo ha costretto ad un lungo periodo di stop e che gli ha fatto saltare tutto il resto della stagione.
Di Gennaro, inoltre, ha segnato ai biancoscudati il primo gol della sua avventura siciliana al Palermo.
Luca Clemenza è, invece, il valore aggiunto del Padova.
Classe ’97, è cresciuto nelle giovanili della Juventus con cui però non ha mai esordito in gare ufficiali.
Calciatore versatile, nel corso della sua carriera ha giocato come mediano, trequartista, esterno d’attacco ed ora da mezz’ala.
Le sue straordinarie doti sono state apprezzate anche dal centrocampista della Juve Miralem Pjanic, il quale è rimasto entusiasta del modo in cui Clemenza calcia le punizioni e del eurogol a giro che ha siglato nel corso della partita di ICC contro il Benfica giocata questa estate negli USA.
Il classe 97, inoltre, viene spesso paragonato al suo idolo Alex Del Piero con cui ha in comune le squadre di club. Infatti, anche l’ex capitano bianconero agli inizi della sua straordinaria carriera ha vestito la maglia biancorossa del Padova.
Lo scorso hanno ha giocato con la maglia dell’Ascoli 30 match ed è andato in gol 2 volte.
Contro la Salernitana, il ventunenne fantasista ha giocato solo in una occasione, la partita di ritorno tra l’Ascoli ed i granata dello scorso anno terminata con una sconfitta per la squadra bianconera.
In queste prime due partite si è dimostrato fondamentale per i biancoscudati, viste le buone prestazioni ed in particolare i due assist che hanno consentito alla sua squadra di ottenere un pareggio a Verona ed una vittoria contro il Venezia.
Quella tra Salernitana e Padova sarà una partita da seguire attentamente anche per scoprire chi tra Di Gennaro e Clemenza vincerà questo confronto.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.