No Signal Service

Da Lanciano al Venezia: Menico e la missione playout

Luca Viscido

Sembra un segno del destino o è semplicemente pura casualità? La Salernitana sempre del tecnico di Ponsacco esattamente tre anni fà si apprestava a giocare il play-out di andata contro il Lanciano di mister Maragliulo. E domani sempre guidati come allora da mister Menichini toccherà un’altra volta attraverso gli spareggi difendere la categoria contro il Venezia di Serse Cosmi.

Una squadra completamente diversa rispetto a quella costruita quest’anno dal ds Fabiani. In quella occasione la Salernitana si presentò al Guido Biondi di Lanciano, con una coppia di attacco affiatatissima come Coda e Donnarumma che permise ai granata di agganciare la quintultima posizione e presentarsi al doppio spareggio con il vantaggio di rimanere in serie B anche con due pareggi. Rispetto ad allora è cambiato il mondo come si suol dire, la squadra di oggi ed anche il clima probabilmente è ben diverso. Sono cambiati quasi tutti i calciatori di quel doppio spareggio, l’unico superstite è Odjer che oggi come allora dovrebbe scendere in campo dall’inizio nella sfida di domani. Davanti a Terracciano, la linea difensiva era composta da Tuia a destra, Empereur e Bernardini centrali con Rossi a sinistra (sostituito alla fine del primo tempo da Franco per un problema fisico). 

A centrocampo Nalini a destra, Odjer e Pestrin davanti alla difesa e Zito sul lato opposto. In attacco Coda e Donnurumma. Quel match fu stravinto dalla squadra granata che con una super prestazione e rifilò ben quattro goal alla squadra rossonera ipotecando la serie B già nel match di andata. Domani mister Menichini invece spera di centrare almeno la vittoria anche non in maniera così roboante come tre anni fà ma almeno di portare la gara verso i binari giusti per poi andare al Penzo domenica con maggiore serenità e tranquillità.

E per farlo quasi sicuramente l’ex allenatore della Reggiana si affiderà ad un 4-3-3. Micai in porta. Pucino a destra, Mantovani e Migliorini centrali, Lopez a sinistra. Di Tacchio perno centrale con Odjer sul centro destra e Andrè Anderson favorito su Akpa Akpro sul centro sinistra. In avanti Jallow a sinistra con Orlando sull’altro versante e Djuric favorito su Calaiò per il ruolo di punta centrale. Da Lanciano alla sfida di domani contro i lagunari, dopo tre anni esatti saranno nuovamente play-out sperando come allora di riuscire a salvare la categoria, dopo un’annata che i tifosi granata speravano fosse ben diversa.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.