Taste - Sapori Mediterranei

Crocieristi a Salerno: il 41% in più rispetto allo scorso anno

Il dato nei primi cinque mesi del 2017, il Porto di Salerno sarà Zona Economica Speciale

Federica D'Ambro

Continua la crescita dei traffici commerciali del Porto di Salerno. Nel 2016, secondo un’indagine svolta dalla stessa autorità portuale di Salerno, è stato registrata un’ottima performance dei volumi di merce movimentata che, per la prima volta, ha superato i 13 milioni di tonnellate, con un incremento del più 1,6 per cento rispetto al 2015.
Anche il 2017 si prospetta un anno da record, infatti, già nei suoi primi cinque mesi, è stato registrato un incremento delle tonnellate di merci movimentate pari al più 17 per cento, un aumento del numero di navi approdate pari al più 19 per cento e un incremento della stazza lorda del più 32 per cento, rispetto allo stesso periodo del 2016.
Inoltre, da gennaio a maggio 2017 si è avuto un incremento del più 9 per cento per i container in Teus, grazie all’attivazione di nuove linee regolari portacontainer ed un incremento del numero di veicoli commerciali del più 32 per cento grazie alla linea regolare Ro/Ro Salerno-Genova, con frequenza trisettimanale.
Anche il traffico passeggeri ha fatto registrare, nei primi cinque mesi del 2017, eccellenti trend positivi con un incremento del più 41 per cento del numero di passeggeri tra crociere, traghetti e collegamenti intercostieri.

Il porto di Salerno continua a svilupparsi raggiungendo nuovi successi. Aree operative organizzate e funzionali, elevata capacità di movimentazione merci e passeggeri, elevato grado di sicurezza, alta professionalità degli operatori, dotazioni infrastrutturali moderne e attrezzature tecnologicamente avanzate, permettono di accogliere e gestire navi e merci di ogni tipologia.

Un’ulteriore occasione, oltre al completamento dei lavori di dragaggio del fondale e Salerno Porta Ovest, sarà lo sviluppo delle Zone economiche Speciali (ZES), istituite e regolamentate dal governo per le aree portuali e retro portuali delle regioni del Sud Italia. Le ZES prevedono agevolazioni fiscali, incentivi finanziari, e sburocratizzazione delle procedure, con l’obiettivo di attrarre aziende e nuovi investimenti diretti anche dall’estero. Con la nascita della ZES nel Porto di Salerno e nelle aree retro portuali, si potrà aggiungere un altro important tassello allo sviluppo dello Scalo salernitano, con la realizzazione di un’area dotata di una adeguata infrastrutturazione e di una efficiente rete logistica intermodale.

“In questi giorni è stato approvato un decreto per le ZES, questo ci consente di avere una prospettiva di sviluppo concreta e realizzabili. Per il mezzogiorno è una scelta lungimirante ed è una grande possibilità per la nostra realtà culturale per pensare in grande e mettersi in movimento, Salerno è una realtà dinamica e questo è un vanto”
Questo il commento speranzoso del primo cittadino, Vincenzo Napoli, in merito alle allo sviluppo delle Zone Economiche Speciali a Salerno.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.