Taste - Sapori Mediterranei

Contagi tra alunni a San Marzano sul Sarno, il sindaco non chiude le scuole ed è protesta

Il gruppo di opposizione "#Noi sempre tra voi" commenta la decisione del sindaco di San Marzano sul Sarno di non chiudere i plessi scolastici

Nonostante i casi Covid tra gli alunni della scuola della nostra città, il sindaco non ha voluto chiudere i plessi. Il risultato è il caos totale, con le famiglie che spontaneamente non hanno mandato i propri figli a scuola. Almeno l’80 percento lo ha fatto. Questo modo di gestire l’emergenza Covid è inaccettabile. Ben 5 le classi in quarantena: un dato preoccupante che presenta un alto indice di rischio. È doveroso da parte del sindaco, considerata la situazione epidemiologico del momento, mettere in campo le necessarie misure restrittive, finanche se inevitabile la chiusura delle scuole, a prescindere da quanto dispone l’ultimo decreto. E non è una polemica a favore o pro la chiusura della scuola o della Dad, né mero allarmismo. Ora parlano i numeri, siamo dinanzi ad un dato di fatto alquanto preoccupante, sicuramente da non sottovalutare”.

Le reazioni

Così il gruppo di opposizione “#Noi sempre tra voi” commenta la decisione del sindaco di San Marzano sul Sarno di non chiudere i plessi scolastici dell’istituto comprensivo Anna Frank, nonostante i contagi accertati tra gli alunni nelle ultime ore. “Siamo davvero indignati per quanto sta accadendo in città – hanno detto i consiglieri comunali Colomba Farina, Vincenzo Marrazzo e Maria Calenda -. I contagi sono accertati, perché non ci si è mossi in tal senso? Le famiglie sono state messe in difficoltà, soprattutto all’inizio di una settimana particolare, che segna l’inizio di una ripartenza tutta da decifrare. Quindi, il Comune deve dare sicurezze ai suoi cittadini. Se non ci sono le condizioni per fare le lezioni in presenza si ritorni alla didattica a distanza. I genitori sono preoccupati e, al fine di evitare che la situazione degeneri, occorre valutare la migliore soluzione per contemperare entrambi gli interessi: salute e diritto all’istruzione”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.