Taste - Sapori Mediterranei

Comitato Salviamo Piazza Alario deposita al Tar ricorso contro ipotesi progettuale

Il ricorso è stato sottoscritto dal Comitato stesso e da 43 privati cittadini: "manca una valida valutazione del pubblico interesse"

Il Comitato Civico Salviamo Piazza Alario ha comunica che è stato depositato presso il Tar Campania un ricorso per l’annullamento e la revoca degli atti relativi all’ipotesi progettuale per la realizzazione di un parcheggio interrato multipiano tra via Porto e Piazza Francesco Alario a Salerno.

Ecco la nota del comitato:

“Il ricorso è stato sottoscritto dal Comitato stesso e da 43 privati cittadini ed evidenzia, in particolare, la mancanza di una valida valutazione del “pubblico interesse”.
E’ evidente
1) la sostanziale inutilità dell’opera, in rapporto ai fabbisogni.
2) la mancanza di tutela e conservazione degli alberi secolari che insistono sulla Piazza/Giardino;
3)che esistono serie problematiche di carattere idrogeologico e statico che comprometterebbero la sicurezza e l’incolumità degli immobili e degli abitanti della zona.
Nelle ampie motivazioni espresse nel ricorso, si prefigurano anche le ulteriori criticità che la Città ed il quartiere dovrebbero eventualmente affrontare:
1) apertura di un nuovo cantiere in uno dei nodi strategici e già critici per la circolazione urbana e extra urbana, con pregiudizio per le attività commerciali, artigianali, professionali e terziarie numerose nella zona, ma anche per lo stesso Porto Commerciale;
2) 24mila metri cubi di materiale da scavo da movimentare, con diverse centinaia di mezzi di grandi dimensioni che circolerebbero e sosterebbero nel già congestionato snodo viario;
3) scavi, perforazioni e palificazioni da realizzarsi immediatamente a ridosso delle costruzioni presenti.
Questa posizione è sostenuta da un vastissimo movimento di opinione di centinaia di cittadini che hanno veramente a cuore la storia e la memoria della nostra Città, salernitani che chiedono una maggiore e costante attenzione per la salvaguardia, la manutenzione e la reale riqualificazione di quelle parti di Salerno che ne testimoniano ancora lo spirito e l’identità, senza bisogno di ulteriori stravolgimenti e manipolazioni”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.