Pizzeria Betra Salerno

Colpo Salernitana, ufficiale Emanuele Calaiò

Da Pescara a Parma, passando per Napoli, Genoa, Catania, Siena e Spezia, ecco chi è il nuovo centravanti granata

Carmine Raiola

La Salernitana ha il suo Robin Hood, Calaiò è ufficialmente un calciatore granata. Il club di via Salvador Allende mette a segno un colpo davvero importante che potrebbe permettergli di fare il salto di qualità che fino ad ora non c’è stato. Il bomber di Palermo era seguito da molte squadre di serie B ma ha scelto Salerno come sua destinazione.

Ma chi è Emanuele Calaiò?

L’ariete classe ’82 cresce nelle giovanili del Torino con il quale esordisce in massima serie nel 2000 contro la Reggina nel match perso per 2-1, il gol dei granata lo segnò proprio lui dopo quasi 10 minuti dal suo ingresso in campo. Con la maglia del Toro disputa tre stagioni per poi trasferirsi alla Ternana con la quale però non ha molta fortuna poichè fatica a trovare spazio e gol (segna solo 2 reti), passa così al Messina ma la situazione non sembra cambiare dal punto di vista realizzativo, sigla infatti lo stesso numero di mercatura della precedente avventura in terra siciliana.

L’anno di svolta è il 2003 quando passa al Pescara che in quella stagione ottiene la promozione in Serie B. Nella stagione 2003-2004, esplode tutto il suo talento perchè l’arciere in circa 44 partite mette a segno la bellezza di 21 gol stagionali, dimostrando come dinanzi alla porta difficilmente lascia scampo. La stagione successiva, si trasferisce nella sessione invernale del calciomercato al Napoli in Serie C. Con i partenopei sigla nella seconda metà di quella stagione solo 6 gol ma l’annata successiva arriva a 19 centri in 44 gare disputate. La terza stagione in maglia azzurra non è quella delle migliori con soli 3 gol in 31 partite.

Si trasferisce nel campionato 2008-2009 al Siena, con i toscani per due stagioni non riesce ad arrivare in doppia cifra, fermandosi a 6 gol la prima stagione ed a 9 nella seconda. Nella stagione 2010-2011 è tra i protagonisti della promozione dei toscani in Serie A con 18 gol in 40 partite e l’annata successiva riesce a confermarsi  anche in massima serie, sigla infatti 12 reti in 26 match.

Nel gennaio 2013 torna al Napoli ma disputa solo 8 match senza mai andare in gol, passa dopo sei mesi al Genoa. Con i rossoblù segna poco, solo 3 gol e nella stagione 2014-2015 ritorna in B e nella sua Sicilia, al Catania. L’avventura all’ombra dell’Etna è più che positiva, in 37 partite infatti va a segno la bellezza di 18 volte. L’annata successiva passa allo Spezia, squadra con cui resta per un solo campionato nel quale sigla 11 reti. Dal 2016 veste la maglia del Parma che porta dalla Lega Pro fino alla Serie A, grazie ai suoi 32 gol totali tra C e B. Attualmente il bomber siciliano è fermo da circa 6 mesi dopo la squalifica in seguito ad una presunta combine nello scorso campionato tra gli emiliani e lo Spezia. Ora però, Calaiò ha voglia di ritornare a giocare e soprattutto di scoccare nuovamente le sue frecce che dovranno essere letali per le difese avversarie proprio come quelle di Sir Robin di Loxley per i suoi nemici.

 

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.