No Signal Service

Cerci dice sì: la Salernitana è pronta a chiudere

Tanti i bonus presenti, tutti legati alle prestazioni, perchè se dal punto di vista tecnico il calciatore non si discute, le perplessità nascono sull'aspetto fisico, dinamico, di un calciatore fermo da tanto tempo: a gennaio 2019 l'ultimo quarto d'ora in Turchia, a dicembre 2018 gli ultimi 80 minuti giocati di fila.

Foto © Instagram

Foto © Instagram

“E’ un giocatore sul mercato che ha dato la sua disponibilità a venire a Salerno perchè ci sono io”. Non usa mezze parole Gian Piero Ventura parlando davanti ai microfoni di Alessio Cerci, il 32enne di Velletri è sempre più vicino ai granata. Se il passare dei giorni sembrava potesse portare lontano l’ex Atletico Madrid invece il tempo, in questo caso, pare abbia “sistemato” le cose. Lo ha fatto anche la Salernitana aumentando, o meglio, spalmando l’offerta sul contratto, leggero passo indietro nelle richieste del calciatore che ha accettato perchè sì, c’è tutta la volontà di ripartire con i granata ma soprattutto con Ventura. Non è un segreto e non lo ha nascosto il tecnico, l’affare Cerci è opera sua, le parti a breve si confronteranno ancora per limare quelli che sono i dettagli di un contratto che legherà l’attaccante al cavalluccio marino per almeno due anni. Tanti i bonus presenti, tutti legati alle prestazioni, perchè se dal punto di vista tecnico il calciatore non si discute, le perplessità nascono sull’aspetto fisico, dinamico, di un calciatore fermo da tanto tempo: a gennaio 2019 l’ultimo quarto d’ora in Turchia, a dicembre 2018 gli ultimi 80 minuti giocati di fila. Gli stimoli, forse, ci saranno ma mancherà la condizione e il campo per un calciatore che ha nel bagaglio oltre 200 partite in Serie A. Intanto aumenterebbero le scelte nel reparto avanzato anche se, c’è chi, nelle scelte di Ventura sembra non rientrare. Stiamo parlando di Emanuele Calaiò, il palermitano è stato provato poco nei test a San Gregorio Magno, Ventura lo conosce ma nelle gerarchie di campo l’ex Parma parte dietro a Djuric, Jallow e Giannetti. A corteggiarlo c’è la Juve Stabia che ha salutato Paponi e preso l’ex granata Alessandro Rossi, con Torromino avanti, cerca un attaccante.

palestra olimpica

francesco pecoraro fotografo

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.