Assistenza computer salerno e provincia

Caso Mastrogiovanni, la Corte d’Appello riforma la sentenza: condannati anche gli infermieri

Il 58enne morto dopo un Tso al San Luca, uno sconto di pena per i medici condannati in primo grado, resta per loro l'accusa di falso in atto pubblico

Aveva 58 anni Francesco Mastrogiovanni, il suo caso e le immagini precedenti alla sua morte hanno fatto il giro del mondo. A distanza di anni i giudici della Corte d’Appello hanno riformato la sentenza di primo grado a carico di medici e infermieri del San Luca di Vallo della Lucania, lì dove è deceduto nell’agosto del 2009 Mastrogiovanni nel reparto di Psichiatria. L’uomo fu legato, mani e piedi, a un letto, mangiò solo una volta durante il suo ricovero. Nella prima sentenza furono assolti gli infermieri, ora è arrivata la condanna anche per loro, 1 anno e tre mesi di reclusione, sospesa la pena per sequestro di persona e conseguente morte dell’uomo. Uno sconto di pena per i medici condannati in primo grado, a loro sono state riconosciute le attenuanti generiche, resta l’accusa di falso in atto pubblico, ma per tutti sono sospese le pene e sono sospese anche le misure interdittive.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.