Pizzeria Betra Salerno

Salernitana punita a Carpi: finisce 2-0 per i padroni di casa

Bianco su rigore e poi Lasagna condannano i granata alla sconfitta. Espulso Odjer

admin

CARPI-SALERNITANA 2-0

CARPI (4-4-2): Belec; Struna, Romagnoli, Poli, Letizia; Jelenic (35′ st Concas), Bianco,  Lollo, Di Gaudio (20′ st Fedato); Lasagna (44′ st Beretta), Mbakogu. A disposizione:  Pektovic, Bifulco, Lasicki, M’Baye, Pasciuti, Seck. All. Castori.

SALERNITANA (4-3-1-2): Gomis; Perico, Tuia (35′ st Sprocati), Bernardini, Mantovani; Odjer, Della Rocca, Zito (13′ st Ronaldo); Rosina; Coda, Donnarumma (13′ st Improta). A disposizione: Terracciano, Schiavi, Bittante, Grillo, Busellato. All. Bollini.

ARBITRO: Ros di Pordenone (Chiocchi-Zappatore; IV uff. Aureliano).

RETI: 28′ st Bianco rig., 30′ st Lasagna

NOTE: Angoli 2-6. Ammoniti: Odjer, Zito, Tuia, Romagnoli, Bernardini. Al 34′ st espulso Odjer per somma di ammonizioni. Recupero 1′ pt; 3′ st.

Punita forse più di quanto avrebbe meritato la Salernitana, che contro il Carpi incassa un secco 2-0. Dopo un buon primo tempo, dove c’è stato un palo colpito da Coda, i granata sono crollati nella ripresa dopo un rigore, trasformato da Bianco, assegnato forse troppo frettolosamente al Carpi. Un episodio che ha tagliato le gambe a Rosina e compagni che dopo soli due minuti hanno subito anche il raddoppio ad opera di Lasagna. Una curiosità. Bollini, che ha schierato la sua Salernitana con un 4-3-1-2, aveva deciso di dare fiducia a Joao Silva dal primo minuto nel tridente offensivo, ma l’ex attaccante dell’Avellino si è infortunato durante il riscaldamento ed è stato costretto a dare forfait. Al suo posto, nell’undici titolare, Alfredo Donnarumma. In difesa si rivede Mantovani, a centrocampo Della Rocca è preferito a Ronaldo. Sotto una pioggia abbondante Carpi e Salernitana danno vita ad un primo tempo vivace. Al 20′ Rosina guadagna un calcio di punizione da buona posizione per fallo di Bianco. Batte Tuia, la sfera viene deviata in angolo. Al 23′ clamoroso palo per la Salernitana. Cross di Rosina per la testa di Coda che non riesce ad angolare bene  e colpisce in pieno il palo alla destra di Belec. Al 32′ Lollo brucia Odjer e scarica un gran tiro verso il palo alla sinistra di Gomis ma la sfera finisce sul fondo. Al 34′ occasione per Lasagna che trova l’opposizione di Gomis. Al 36′ ci prova Odjer dalla grande distanza ma la sfera finisce direttamente tra le braccia di Belec. Al 38′ nuovamente pericoloso Lasagna, Gomis salva in angolo. Al 39′ il solito Lasagna, a due passi dalla porta, di testa non riesce ad inquadrare lo specchio su traversone di Jelenic. Un minuto dopo Donnarumma si insinua in area ma viene anticipato da un avversario. Al 42′ prova il numero Mbakogu ma senza fortuna. Il primo tempo termina sul risultato di 0-0. Al 5′ st Struna colpisce in pieno la traversa con un tiro dal limite dell’area. Al 27′ st l’episodio che cambia la partita. Fallo di Tuia su Mbakogu in area ed il direttore di gara assegna un calcio di rigore decisamente dubbio al Carpi. Nella circostanza sembra infatti che l’attaccante di colore abbia accentuato la caduta. Dal dischetto Bianco non sbaglia e porta avanti il Carpi. 1-0 e quarto gol stagionale per il capitano della compagine allenata da Fabrizio Castori. Il gol subito tramortisce la Salernitana che dopo soli due minuti incassa anche il raddoppio dei padroni di casa. Prima Gomis compie un miracolo su Mbakogu ma poi sulla sfera respinta si avventa Lasagna che in tuffo segna il 2-0 e festeggia la sua quattordicesima rete stagionale. Al 34′ st Odjer viene espulso per doppia ammonizione. La gara per la Salernitana a questo punto sembra seriamente compromessa. Al 37′ st Lasagna sfiora il 3-0. Al 40′ st è Mbakogu a ciccare l’appuntamento col gol. Cross di Fedato per la testa dell’ex padovano che da ottima posizione sbaglia tutto. Al 43′ st Coda guadagna una punizione dal limite dell’area. Batte Rosina ma Belec si stende e sventa la minaccia. L’agonia della Salernitana finisce dopo tre minuti di recupero. Il match termina 2-0 per i padroni di casa. Puniti forse più del dovuto gli uomini di Bollini.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.