Pizzeria Betra Salerno

Caos B, la Figc passa la palla: chiesto parere al Coni sui playout

Carmine Raiola

Tutto nelle “mani” del Coni, in maniera indiretta, dal Collegio di Garanzia dello sport arriverà quella che potrebbe essere la decisione finale presa dalla FIGC in merito ai playout. Lo ha rivelato il presidente Gabriele Gravina pochi istanti fa in conferenza stampa al termine della riunione in federazione. “In merito ci sono due correnti di pensiero. C’è un’interpretazione secondo cui deve prevalere il merito sportivo con il Palermo quarta squadra retrocessa. L’altra interpretazione parla di scorrimento di classifica e dunque Foggia e Salernitana dovrebbero disputare i play-out. Non c’è unanimità di consensi, ci sono pareri discordanti e rischi di ulteriori tensioni, ho comunicato al Consiglio Federale di attendere la decisione odierna sull’appello del Palermo e in attesa della giustizia federale chiederò in base all’articolo 12 bis comma 5 un parere al Collegio di Garanzia del Coni”. Due, sostanzialmente, le ipotesi. Dal Collegio il parere potrebbe essere allineato con quanto deciso dal Consiglio di Lega di B, confermando le quattro retrocessioni compresa quella del Palermo, oppure manifestare la possibilità di ripristinare i playout, in questo caso Salernitana-Foggia. Non è detto però che quanto espresso dal CONI sia confermato in toto dalla FIGC, servirà anche un confronto proprio con la Lega di B, molto dipenderà anche dalla eventuale possibilità di rientro a 20 squadre, o addirittura un incremento a 22. Probabile che la decisione del Consiglio di Lega di B, ovvero non disputare i playout, sia legata proprio alla volontà di passare a un numero più elevato di squadre per il prossimo torneo cadetto. Tutto, quindi, resta in bilico, con un occhio anche a quanto accade in altre sedi, parliamo del caso Chievo Verona e le verifiche della Guardia di Finanza su quelle che sono state le plusvalenze da parte della società clivense.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.