Assistenza computer salerno e provincia

Camerota: sigilli a villaggio turistico abusivo

Blitz del Corpo Forestale dello Stato in località Cioffi e Mingardo. Tre denunce

Nuovo blitz del Corpo Forestale dello Stato contro i reati urbanistico-edilizia- ambientali e per la tutela del paesaggio.

Questa volta nel mirino degli inquirenti sono finite cinque manufatti, una piscina e altre opere abusive realizzate nel comune di Camerota alle località “Cioffi” e Mingardo” zone sottoposte a vincolo paesaggistico-ambientale ricadenti all’interno dell’area Protetta del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

L’attività investigativa svolta dalle Giubbe Verdi del Comando Stazione Forestale di San Giovanni a Piro, è terminata con la denuncia di tre persone alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

Nello specifico, alla località “Cioffi”, è stato riscontrato la realizzazione abusiva in assenza di Titoli Edilizi e Nulla Osta delle Autorità competenti, di cinque unità abitative a destinazione d’uso turistico/residenziale, per una volumetria di circa mille metri cubi, una piscina a servizio delle unità turistico-residenziale pari a circa mq 150 di superfice calpestabile e la realizzazione di muri, scale, rampe di accesso e altro. Sono state identificate e deferite due persone responsabili degli abusi.

Alla località “Mingardo” presso un complesso turistico, oltre ad accertare l’inottemperanza da parte del titolare del villaggio dell’ordinanza emessa dal comune di Camerota di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi di opere abusive in precedenza accertate, sono stati individuati altre tre opere abusive di nuova costruzione di cui una nuova un’unità abitativa, un manufatto in calcestruzzo e un’anfiteatro, realizzati anche in questo caso in assenza di Permesso a Costruire, ed in assenza del Nulla – Osta da parte degli Enti preposti.

Accertato l’abuso, il responsabile veniva deferito all’Autorità Giudiziaria e dovrà rispondere per il reato di abusi edilizi, alterazione di bellezze naturali e inosservanza di provvedimenti dell’Autorità.

L’attività partita da alcune segnalazioni, ha consentito ai Forestali di identificare sia gli abusi che i responsabili.

Il territorio del Cilento non è nuovo ad operazioni del genere. Da queste parti la tutela dell’ambiente e l’attività di controllo del territorio è tra le priorità del Corpo Forestale dello Stato. Poiché trattandosi di un’area a grande vocazione turistica i costruttori senza scrupoli si lasciano facilmente tentare a raggirare i vincoli esistenti nell’area protetta.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.