Taste - Sapori Mediterranei

Busitalia, a febbraio il piano per “stanare” chi non fa il biglietto

L'azienda ha previsto degli incentivi economici da corrispondere ai conducenti che volontariamente vorranno fare anche i verificatori

Federica D'Ambro

Dai primi giorni del 2017 abbiamo detto addio all’azienda Cstp dando il benvenuto alla società Busitalia Campania. Ieri si è svolto un primo confronto tra azienda e segreterie provinciali dei sindacati del settore del trasporto. Uno dei primi punti all’ordine del giorno è stata la possibilità di creare un piano per ridurre l’alta percentuale di corse non pagate dai viaggiatori.
Come rivelato dal quotidiano Il Mattino, sono state formulate nuove misure di intervento previste dal piano anti-evasione. Sicuramente sarà aumentato il numero di verificatori che controlleranno l’effettiva vidimazione dei biglietti. I nuovi controllori potranno essere anche i conducenti stessi dei pullman. In questo caso, l’azienda ha previsto degli incentivi economici da corrispondere ai conducenti che volontariamente vorranno fare anche i verificatori.

Le nuove misure entreranno in vigore a metà febbraio. Il tempo tecnico necessario per consentire l’arrivo dei nuovi biglietti marchiati Busitalia Campania e dei nuovi abbonamenti. Non sono previsti aumenti di tariffe rispetto a quelle in vigore con il regime Cstp. Solo nel caso in cui si farà il biglietto a bordo il prezzo potrebbe variare.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.