No Signal Service

Buoni spunti e abilità nel gioco aereo, Gondo riscalda un’Arechi freddo

Il giovane ivoriano torna a segnare in serie B dopo quattro anni

Luca Viscido

Schierato un pò a sorpresa nell’undici titolare contro i pitagorici è stato ieri uno dei migliori in campo, specialmente grazie ai due goal messi a segno ha permesso alla Salernitana di conquistare tre punti di vitale importanza per il prosieguo della stagione. Insieme al suo compagno di reparto Djuric, il giovane attaccante ex fiorentina è riuscito fin dall’inizio a trovare i movimenti e i tempi giusti per andare in profondità allargando così le maglie della difesa crotonese, in modo da consentire le rapide verticalizzazioni da parte dei suoi compagni. Da un azione analoga è scaturita l’espulsione di Golemic. Gondo lanciato in profondità da Migliorini scatta sul filo del fuorigioco involandosi verso la porta di Cordaz, a quel punto il difensore rossoblù non ha potuto far altro che commetter fallo lasciando così in inferiorità numerica la propria squadra. Il calciatore ex Ternana si è reso pericoloso non solo su azione ma anche su calcio da fermo, quando dopo circa dieci minuti dal calcio di inizio ha scheggiato la traversa su una punizione calciata da Dziczek. Calci piazzati che la squadra granata ha saputo capitalizzare al meglio soprattutto nella seconda frazione. Tant’è che la rete del pari di Jallow è arrivata su un calcio d’angolo battuto sempre dal talentino dell’under 21 polacca. Favorito dall’assenza di un giocatore fisico come Golemic, l’attaccante ex Rieti ha saputo sfruttare ottimamente i cross provenienti dalle fasce facendosi trovare al posto giusto al momento giusto, tuttavia entrambi i goal sono arrivati su colpo di testa. La prima realizzazione è stata messa a segno grazie ad uno scambio veloce tra Dziczek e Kiyine, il quale ha ridato tempestivamente il pallone al compagno disegnando un cross preciso sulla testa del numero quindici che non ha dovuto far altro che spingere il pallone in rete. Molto più difficile la seconda marcatura della punta granata, soprattutto per il momento attraversato in quella circostanza dalla squadra di Gian Piero Ventura che qualche istante prima era stata raggiunta a causa di un autorete sfortunata di Jaroszynski. Kiyine calcia una punizione tesa dalla fascia sinistra, forte a rientrare che si abbassa all’improvviso, puntuale Gondo nel riuscire a girare la sfera con la forza necessaria per mandarla all’incrocio dove Cordaz non può abbozzare la minima reazione. Reti fondamentali dunque quelle dell’ivoriano, le quali permettono alla Salernitana di incamerare una bella boccata d’ossigeno dopo le ultime brutte prestazioni e che consentono e consentiranno alla giovane punta di lavorare con una buona iniezione di fiducia in più nei propri mezzi.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.