Pizzeria Betra Salerno

Bovo, da riserva di lusso a titolare goleador

Con Torrente il mediano di Mestre è diventato un perno fondamentale del centrocampo

Roberta Sironi

Due gare ufficiali sono bastate alla Salernitana per capire che il migliore rinforzo per lo scacchiere tattico di Torrente era già presente in rosa. Grazie ai suoi gol che hanno dato alla compagine granata la possibilità di eliminare in Tim Cup prima il Pisa e poi il blasonato Chievo, Andrea Bovo si è meritatamente conquistato la fiducia dell’entourage granata. Reti pesanti ma non solo. Con Torrente l’ex capitano del Padova è letteralmente rinato. Fiuto del gol, tanto lavoro a centrocampo, recupero palloni, inserimenti e spunti per i compagni hanno fatto di Bovo un elemento fondamentale per la Salernitana che si appresta ad affrontare il prossimo campionato di serie B. Pensare che soltanto pochi mesi fa, con Menichini, il calciatore nativo di Mestre ma salernitano d’adozione era stato relegato al ruolo di riserva nonostante un passato di circa 200 presenze in serie cadetta. Soltanto scampoli di gara l’anno scorso per Bovo, che nonostante tutto non ha mai mollato continuando a spingere per rimanere in granata e ritagliarsi un ruolo da assoluto protagonista. Che finalmente ha conquistato grazie a Torrente che gli ha dato fiducia e che ne ha fatto un perno insostituibile del suo centrocampo. “Si, è un buon momento ma manca ancora molto al campionato- ha commentato ieri Bovo al termine della gara vinta col Chievo al 121′- Queste vittorie servono solo a far morale e personalità. Dobbiamo continuare a lavorare tanto e sodo. Non penso al passato. Sono felice adesso di dare una grossa mano ai compagni e di avere la fiducia della società e del mister”.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.