Assistenza computer salerno e provincia

Borse di studio e lavoro all’estero, Formamentis presenta il progetto Valley

Il progetto che lega lo studio e i lavoro in vari paesi dell'Unione Europea, saranno assegnate 150 borse di studio a neodiplomati tra i 18 e i 24 anni

Federica D'Ambro

Molto spesso capita che i giovani neodiplomati escano dalle scuole senza sapere bene quale strada intraprendere in futuro. In molti decidono di cimentarsi in corsi universitari che, alle volte, non li rappresentano. Creando così un problema di occupazione personale e un problema per chi desidera realmente iscriversi ad un corso universitario. Questo è uno dei problemi che Formamentis ha pensato di individuare e risolvere. Il progetto Valley non è nuovo. Non è la prima volta che grazie all’ente dei giovani neodiplomati hanno la possibilità di trasferirsi all’estero per lavorare e/o studiare.
Torna una nuova edizione con tante nuove opportunità. E’ stato presentato questa mattina il nuovo progetto Valley presso il Salone Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino. Un progetto che mira alla crescita, oltre che professione, individuale e personale del singolo. Una possibilità di accrescere le proprie competenze per poter un giorno far ritorno in Italia e sfruttare al meglio le proprie capacità. Presenti questa mattina il direttore generale di Formamentis, Giuseppe Melara, il presidente di Rete Destinazione Sud, l’amministratore di EuroGlocal, Silvano Del Duca e il consigliere regionale Enzo Maraio.

“Erasmusm Plus è uno dei progetti più grandi d’Europa- ha commentato Giuseppe Melara- Diamo la possibilità ai ragazzi di conciliare lo studio al lavoro creando esperienze di vita e possibilità. Ci sono territori dove la disoccupazione non esiste per cui ci sono grandi prospettive”.

E’ stato un dibattito costruttivo non solo volto a spiegare il progetto Valley, ma anche a canalizzare i giovani presenti a quelle che sono le nuove frontiere del lavoro e le nuove possibilità che l’Unione Europea offre.
Il progetto, infatti, è stato finanziato dalla stessa Unione Europea, saranno assegnate 150 borse di studio che comprendono le spese di viaggio, lo stage in azienda, vitto e alloggio. I giovani che sono interessati a far parte di questo progetto potranno candidarsi tramite i bandi. Sono diversi i settori delle aziende partnership, dal turismo all’enogastronomia, dall’agroindustria al marketing. I tirocini dureranno circa 4 mesi (probabilmente da febbraio a giugno 2017) in Spagna, Regno Unito, Malta, Irlanda e Francia. I destinatari sono giovani neodiplomati tra i 18 e i 24 anni, residenti in Campania, Calabria, Puglia e Basilicata.

“Sono quasi 1000 i ragazzi che sono già partiti all’estero grazie a questi progetti di formazione e lavoro- ha commentato l’amministratore Silvano Del Duca- Di questi solo il 5 per cento è tornato senza un lavoro e un percorso di studio. Mentre il 20 per cento di questi sono riusciti ad avere un contratto di lavoro nei paesi scelti a tempo indeterminato. I numeri parlano, ma sicuramente chi ha deciso di tornare, lo ha fatto portato con se un bagaglio culturale e professionale unico”.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.