Taste - Sapori Mediterranei

Battipaglia, Stir al collasso: capannoni fermi per saturazione

Disagi in diversi comuni a causa del mancato conferimento dei rifiuti

È a rischio collasso lo Stir di Battipaglia, fermo da ieri mattina a causa della saturazione dei capannoni della frazione umida tritovagliata (Fut). Come riporta il quotidiano Le Cronache, infatti, già numerosi sono i disagi che si sono verificati in diversi comuni del salernitano dove, già nella giornata di ieri, non è stato effettuato alcun conferimento dei rifiuti mentre giovedì il conferimento è avvenuto solo nel 50% dei comuni per un totale di circa 250 tonnellate di rifiuti.
La situazione dovrebbe tornare alla normalità entro domani mattina in quanto gli operatori sono a lavoro per liberare un capannone contenente circa 800 balle e garantire così lo stoccaggio della Fut.
Le difficoltà sono riconducibili alle difficoltàè economiche che si ritrova a vivere la società provinciale Ecoambiente mentre tra le concause c’è il rallentamento dei flussi fuori Regione, effetto delle inchieste giudiziarie avviate al Nord Italia. Le ultime, nello specifico, hanno coinvolto impianti lombardi e piemontesi e hanno portato con sé la messa in stato d’accusa di funzionari e dirigenti di A2A e di Hera, come scrive Le Cronache.
Di fatto, hanno rallentato, se non addirittura bloccato, lo smaltimento fuori regione della frazione umida. Un campanello di allarme che preannuncia la crisi dell’intero sistema, dal momento che anche gli altri Stir sono a un passo dalla saturazione

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.