Impresa di Pulizia a Salerno

Barbuti Festival, un cartellone straordinario nel centro storico

“Le stelle sono tante”, questo lo slogan dell’edizione 2023 che si svolgerà dal 3 agosto al 29 settembre 2023. Il titolo fa riferimento sia alla singolare connotazione urbanistica di “teatro sotto le stelle”, sia alle stelle dello spettacolo che, di anno in anno, vanno arricchire il già nutrito parterre di ospiti internazionali del palcoscenico salernitano.

Presentata, presso il Salone dei Marmi del Comune di Salerno, la XXXVIII edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival”. Alla presenza della direttrice organizzativa, Chiara Natella della Bottega San Lazzaro, del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e del delegato alla Cultura del Comune di Salerno, Ermanno Guerra, è stato illustrato il cartellone di spettacoli che da oltre sette lustri va in scena sul palcoscenico sotto le stelle della piazza longobarda di S. Maria dei Barbuti, nel centro storico di Salerno.

“Le stelle sono tante”, questo lo slogan dell’edizione 2023 che si svolgerà dal 3 agosto al 29 settembre 2023. Il titolo fa riferimento sia alla singolare connotazione urbanistica di “teatro sotto le stelle”, sia alle stelle dello spettacolo che, di anno in anno, vanno arricchire il già nutrito parterre di ospiti internazionali del palcoscenico salernitano.

La rassegna, nel tempo ha ospitato oltre 1800 spettacoli, circa 5900 tra attori, cantanti, ballerini, cabarettisti, comici, marionettisti, danzatori, che si sono alternati nelle 36 edizioni precedenti sulle tavole del teatro. Il Teatro dei Barbuti è stato ideato dal compianto Peppe Natella, al quale ora è intitolato l’omonimo premio e lo stesso slargo del teatro, per volontà dell’amministrazione comunale di Salerno, reca ora una targa ricordo in ceramica.

La rassegna è guidata da Chiara Natella, che ribadisce lo sforzo organizzativo: “Quest’anno la forbice di appuntamenti si infittisce, riusciamo a garantire quasi due mesi di spettacoli estivi, tutto agosto e tutto settembre. Come sempre si tratta di un’offerta differenziata di appuntamenti di teatro, danza, musica, storia. Un cartellone davvero per tutta la famiglia”.

La Rassegna dei Barbuti ringrazia gli enti che, con diverse modalità di sostegno, rendono possibile la manifestazione: il Comune di Salerno, la Regione Campania, la Camera di Commercio, il Ministero della Cultura, la Cna, la Fondazione della Comunità Salernitana e la Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana.

CONFERENZA STAMPA BARBUTI

IL LUNGO E VARIEGATO CARTELLONE

Tanti i nomi in cartellone per questa edizione 2023. Si comincia il 3 agosto con “L’offesa” con Amelia Imparato, per la regia di Andrea Carraro. Il 4 agosto andrà in scena il teatro di Goldoni, con “Le smanie per la villeggiatura”, nell’adattamento di Corradino Pellecchia, per la regia di Alessandro Tedesco. Il 5 agosto spazio ad una grande attrice, Annarita Vitolo, protagonista di uno dei capolavori di Eduardo “Sabato, domenica e lunedì”. Il 10 agosto, Campania Danza e Foglie di Teatro presentano “Girotango”, con le coreografie di Antonella Iannone e la regia di Andrea Carraro. L’11 agosto torna a Salerno Mario Maglione, con il suo concerto classico di voce e chitarra. Il 12 agosto arriva Gianluca Foresi, in scena con Maria Elisabetta Polacco in “Qualcosa fra noi si è rotto, ma non è lo scaldabagno”. Il 17 agosto versione teatrale di “Moby Dick”, con Gaetano e Francesco Fasanaro, nell’adattamento di Corradino Pellecchia. Il 18 agosto l’immancabile Peppe Barra. Il 19 agosto è la volta di un altro attore famoso, Adriano Falivene che con Davide Borrelli porterà in scena “Aspettando Totò”. Il 24 agosto “Alan Turing e la mela avvelenata”, con Stefano Piersanti e Cinzia Ugatti. Il 25 agosto premio Peppe Natella a Anna Mazzamauro e lo spettacolo dell’attrice “Com’è ancora umano lei, caro Fantozzi”. Il 26 agosto Daniela Ioia in “Mamma mia”. Il 31 agosto ritorno amarcord anche per Marino Cogliani, in concerto con “Napoli sempre”.

LOCATION DEDICATA PER LA NOTTE DEI BARBUTI A SETTEMBRE

Torna la Notte dei Barbuti, una rassegna parallela a cura di Brunella Caputo, regista e attrice. Quest’anno ci sarà una location ad hoc, lo spazio di Apollonia Hub e un’appendice settembrina dal 15 al 29 settembre con ben 5 spettacoli: “Lucciole all’inferno”– a Pier Paolo Pasolini (15-16 settembre); “Monica – Odellalibertà” (22 settembre); “Lido per mari unici” (23 settembre); “La forma dell’esistenza” (28 settembre) e “Leggendo leggende napoletane” (29 settembre)

L’ APPUNTAMENTO FISSO CON PEPPE BARRA

Si racconta, e la cronologia delle rassegne lo dimostra, che Peppe Barra non salti mai l’appuntamento al Teatro dei Barbuti, ogni estate. Un po’ per affetto al patron della rassegna, Peppe Natella, un po’ per scaramanzia. L’istrionico attore e cantautore, che ai Barbuti ha registrato dal vivo anche un brano del suo disco dal vivo (con brani raccolti in tutto il mondo, compreso Londra) e che ha ricevuto già il Premio Peppe Natella, sarà in concerto a Salerno venerdì 18 agosto con il progetto “Salerno Animo del Mediterraneo”.

IL PREMIO PEPPE NATELLA AD UNA GRANDE ATTRICE: ANNA MAZZAMAURO

L’ottava edizione del Premio “Peppe Natella”, quest’anno andrà ad Anna Mazzamauro, veterana delle scene, tra le maggiori attrici del palcoscenico italiano, attiva tanto nel teatro, quanto nel cinema e nella televisione. Il riconoscimento che porta il nome dell’ideatore della rassegna è “Il longobardo”, una scultura ceramica originale di Nello Ferrigno. Dopo la cerimonia di consegna del Premio, l’attrice andrà in scena sul palco dei Barbuti con lo spettacolo dedicato a Paolo Villaggio, un viaggio nella comicità riflessiva di un grande scrittore, autore e attore italiano, che ha inventato un genere portandolo al successo con il personaggio intramontabile di “Fantozzi”. Mazzamauro ha lavorato a lungo con Villaggio avendo interpretato il personaggio della signorina Silvani, l’impiegata vamp della serie di film sul ragioniere Ugo Fantozzi, per cui ottenne una candidatura al Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista nel 1976 per Fantozzi e nel 1994 per Fantozzi in paradiso. Per tanti motivi, quindi Anna Mazzamauro potrà non solo mettere in scena il suo Paolo Villaggio, ma raccontarne aneddoti di vita e di palco.

L’INSTALLAZIONE ARTISTICA DELLA CNA

Tra le novità di quest’anno, c’è una installazione artistica a tema di spettacolo che sarà realizzata dagli artigiani della CNA, l’opera sarà svelata solo al taglio del nastro della rassegna.

DANZA SOTTO LE STELLE: 5-6 settembre

Il ricco cartellone della rassegna dei Barbuti prevede anche due appuntamenti “Incontri” con la danza, a cura di Antonella Iannone. Il 5 settembre con “Nest” e il 6 settembre con “Assenza squilibrio –equilibrio”.

IL SALERNO DAY

Non mancherà la tradizionale appendice settembrina, con il “Salerno Day”, che quest’anno coincide con un particolare anniversario: ricorrono, infatti, gli ottant’anni dello Sbarco di Salerno del 9 settembre 1943. Sono previsti quattro giorni di eventi ai Barbuti a cura di Edoardo Scotti. Il 7 settembre grande concerto della “When Jazz Landed”, l’8 settembre l’attore Claudio Lardo va in scena con “Il pallone di pezza”, che racconta una pagina dimenticata della nostra storia, una tragedia verificatasi a Buccino il 16 settembre 1943; il 9 settembre “La guerra per immagini”, di Giuseppe Fresolone e Vincenzo Marsilia, con Eduardo Scotti, Isabella Insolvibile e Alfonso Conte. Il 10 settembre va in scena “Teatri di guerra”, per la regia di Andrea Carraro.

LE PASSEGGIATE CULTURALI

Tutti i giovedì ci saranno le passeggiate-visite guidate nel centro storico, “Salerno tra storia e leggenda”, a cura dell’associazione culturale Erchemperto.

Impresa di Pulizia a Salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.