Attentato in Sri Lanka, è una strage: 156 morti

Colpite tre chiese e tre alberghi di lusso, oltre 400 feriti. Importante la presenza cingalese anche a Salerno che vive da lontano e con dolore le notizie che arrivano dallo Sri Lanka

Oltre aSalerno

A4DFBDB2-825A-4671-A709-38EF5ABDA094

Esplosioni simultanee, ordigni fatti esplodere durante le celebrazioni di Pasqua, un attentato multiplo quello che si è consumato in Sri Lanka, a Colombo, capitale dello stato dove sono state colpite tre chiese e tre alberghi di lusso frequentati dai turisti.

Al momento non c’è stata nessuna rivendicazione da parte di gruppi terroristici, è però chiaro che si tratti di un “attacco” combinato e organizzato nei particolari.

E’ una strage, il bilancio delle vittime è in continuo aggiornamento, poco prima delle 10:00 le fonti ufficiali cingalesi parlano di 156 morti e 402 feriti. E’ a lavoro anche il ministero degli Esteri italiano per verificare la presenza di cittadini del nostro paese a Colombo.

Nello Sri Lanka la religione cristiana è una minoranza, parliamo di circa il 7,5 per cento della popolazione cingalese. Le autorità srilankesi fanno sapere che almeno due degli attentatori sono morti nel farsi esplodere, probabilmente solo uno sarebbe ancora vivo.

Importante, più di 200 persone, la comunità singalese che vive da anni a Salerno, in particolare nel centro storico della città, così come nella zona orientale.

Commenti

I commenti sono disabilitati.