Assistenza computer salerno e provincia

Arrestato spacciatore nella “movida” metelliana

Bloccato 49enne di Cava de'Tirreni, vendeva cocaina nel cuore della città

Questa notte, personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de’ Tirreni ha arrestato  A. B., nato a Cava de’ Tirreni, di anni 49, responsabile di detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

In particolare, a seguito di una specifica attività info-investigativa finalizzata ad individuare i canali di rifornimento delle piazze di spaccio di droga ed i soggetti coinvolti in tale attività delittuosa, il personale della  Squadra Anticrimine del locale Commissariato è intervenuto presso un noto bar della “movida” cavese dove il titolare aveva organizzato l’attività di spaccio di cocaina.

Visti i primi positivi riscontri investigativi, è stato disposto un servizio di osservazione che ha consentito di notare movimenti sospetti nel citato esercizio commerciale e nelle immediate vicinanze, nonché il via vai di soggetti i cui atteggiamenti risultavano indicatori di probabili traffici illeciti.

Nel corso di tale servizio i poliziotti hanno notato che il sospettato, aprendo una porta attigua all’ingresso del bar, si portava in un corridoio a cielo aperto, ove vi erano la caldaia ed altri materiali del bar.

Mediante l’osservazione da più punti, gli agenti hanno notato un avventore, già noto alle forze dell’ordine, che entrato nel bar, ha contattato il titolare che ha aperto il lucchetto della porta ed è entrato nel corridoio ove ha prelevato un oggetto da un buco nel muro da cui ha estratto qualcosa, riponendo l’oggetto nuovamente nel buco, per poi ritornare nel bar ove ha consegnato quanto prelevato all’avventore.

Quest’ultimo, dopo la consegna, è andato via ed è stato fermato poco distante dai poliziotti che lo hanno trovato in possesso di una dose di cocaina che ha dichiarato di aver acquistato dal gestore del bar previo pagamento di € 50,00. Per tale motivo l’uomo è stato segnalato per detenzione ad uso personale di sostanze stupefacenti.

Nel contempo, A. B. è stato fermato mentre usciva dal predetto corridoio ed è stata eseguita una perquisizione personale e locale.

All’interno del buco nel muro gli agenti hanno trovato un involucro cilindrico di plastica, avvolto con nastro isolante nero, contenente nr. 18 dosi avvolte con cellophane termosaldato, con dentro sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso complessivo di circa 8 grammi che è stata sequestrata.

Nello stesso luogo di rinvenimento della droga, in un secchio della spazzatura, sono stati trovati e sequestrati altri 10 contenitori di plastica vuoti ed avvolti con nastro isolante nero, del tutto identici a quello contenente la cocaina, fatto indicatore di una notevole pregressa attività di spaccio.

Inoltre, A. B. è stato trovato in possesso di tre portafogli, di cui uno contenente 26 banconote da € 5,00, danaro ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio.

A seguito di quanto accertato dai poliziotti, A. B. è stato dichiarato in stato di arresto e posto a disposizione del Pubblico Ministero di turno presso il Tribunale di Nocera Inferiore, in attesa del rito per direttissima.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.