Assistenza computer salerno e provincia

Arrestato rapinatore seriale: Antonio Noschese nei guai

Il pluripregiudicato già noto alle forze dell'ordine è stato arrestato in casa dopo aver tentato la fuga e trasportato in carcere

Riccardo Siena

3708

Nella serata di ieri, in seguito alle accurate indagini portate avanti dalla Polizia di Stato, atte ad identificare l’autore di numerosi reati, quali rapine a mano armata e tentate lesioni, un distaccamento della Squadra mobile Sezione reati contro il patrimonio di Salerno ha fermato ed arrestato il 32enne Antonio Noschese, già noto alle forze dell’ordine per spaccio, detenzione di sostanze stupefacenti e lesioni volontarie. L’azione degli inquirenti ha consentito di accertare vari illeciti compiuti dal pluripregiudicato:
-lo scorso 11 settembre, intorno alle 21.30, l’indagato minacciò con un’arma bianca un cittadino a bordo di un’auto, intimandogli di consegnargli il denaro e i suoi beni di valore, facendo perdere poi le proprie tracce a bordo di uno scooter nei pressi di via Francesco la Francesca.
– nelle due giornate seguenti, lo stesso Noschese tentò di estorcere al titolare di un bar una cifra pari a 5000 euro, danneggiando l’insegna del locale, senza riuscire tuttavia ad ottenere la somma. Grazie agli indizi raccolti nella circostanza, gli inquirenti hanno potuto ritenerlo colpevole di tre ulteriori rapine avvenute nel salernitano fra giugno ed agosto: la prima, avvenuta al supermercato Decò in via dei Greci compiuta a mano armata il 25 agosto; la seconda consumata al “Chocolate Cafè” di via Settimio Mobilio, dove, armato di siringa, nelle prime ore del mattino del 24 giugno rubò l’incasso; e la terza, ai danni del Supermercato Sisa in via Laurogrotto, messa a segno con un coltello, intorno alle 9 del mattino del 26 agosto. Grazie alle varie testimonianze e alle immagini di videosorveglianza, si è proceduto alla denuncia di Noschese per i fatti elencati. Il recidivo è stato arrestato ieri nella sua abitazione, dove, dopo aver tentato la fuga calandosi dal balcone della casa, è stato bloccato dagli agenti della polizia giudiziaria e condotto alla locale casa circondariale.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.