Assistenza computer salerno e provincia

Aldo Autuori, i sicari hanno sparato entrambi

Gli inquirenti proseguono l'ascolto dei testimoni alla ricerca del movente

Federica D'Ambro

Non si tratterebbe di un avvertimento, ma di una vera e propria esecuzione, quella del 45 enne Aldo Autuori, che ieri sera, intorno alle 20.30 circa a Pontecagnano, è stato ucciso davanti agli occhi di sua moglie e del nipotino. Secondo le prime ricostruzioni e dall’esame esterno completo del corpo, la vittima è stato colpito da 10 colpi di pistola dai due malviventi, sopraggiunti a bordo di un motociclo. L’arma utilizzata è una pistola a tamburo calibro 38 che è provvista di soli 6 proiettili. I due malviventi hanno dovuto utilizzare due pistole. Nei prossimi giorni ci sarà l’autopsia. La vittima fu condannata nel 2004 per l’omicidio Merola. Successivamente fu coinvolto nel’operazione Gasoline, truffa sui carburanti scoperta dalla Guardia di Finanza per la quale prima stette ai domiciliari e poi fu sottoposto al’obbligo di firma. Ancora ignoto il movente.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.