No Signal Service

Al via “Arte Salerno 2017”, mattatore il direttore artistico Sgarbi – LE FOTO

Settecento opere di 300 autori in concorso al Premio di Arte Contemporanea, ieri l’inaugurazione nelle tre sedi espositive con il direttore artistico Vittorio Sgarbi e il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli

È partita dalla Stazione Marittima di Zaha Hadid, simbolo dell’architettura moderna a Salerno, per approdare, poi, agli edifici storici di Palazzo Fruscione e della chiesa dell’Addolorata del complesso monumentale di Santa Sofia.

La cerimonia di apertura della seconda edizione di “Arte Salerno 2017 – Premio internazionale di Arte Contemporanea”, che si è tenuta oggi a partire dalle 17 alla Stazione Marittima, ha assunto la valenza di un percorso ideale tra il presente ed il passato, in un felice connubio che farà da trampolino verso il futuro.

La rassegna è stata inaugurata dalla presidentessa dell’associazione “ArtetrA” Veronica Nicoli – che ha organizzato l’iniziativa in collaborazione con la galleria salernitana “Prince Art Gallery” di Armando Principedal critico d’arte Vittorio Sgarbi, direttore artistico del premio, e dall’attrice Marisa Laurito, che esporrà i suoi lavori in una personale inserita nella manifestazione. Presente anche il sindaco del Comune di Salerno, Vincenzo Napoli.

  “Noi crediamo fortemente in questa città dalle tante risorse e nel generoso territorio salernitano che vanta una storia millenaria e bellezze artistiche e culturali che il mondo ci invidia – ha detto Veronica Nicoli – Siamo convinti che Salerno possa diventare uno dei poli artistici e culturali più importanti del Mediterraneo e ci auguriamo che tutto questo possa avvenire grazie ad una felice collaborazione con le istituzioni, che anche in questa seconda edizione ci hanno concesso l’uso delle loro belle strutture, e al supporto di critici e storici dell’arte di chiara fama, quali il professore Vittorio Sgarbi, direttore artistico della manifestazione, ed il professor Daniele Radini Tedeschi, presidente di giuria del Premio e curatore del Padiglione Guatemala alla 57esima edizione della Biennale di Venezia”. Ha, poi, concluso: “Abbiamo lavorato con tanta passione ed energia, ma anche con rispetto e umanità, per valorizzare ogni singolo artista.Adesso la parola passa a loro, che sono i veri protagonisti di Arte Salerno”.

  Trecento artisti provenienti da tutto il mondo, selezionati su duemila candidature pervenute in quattro mesi, esporranno oltre settecento opere. Ospiti d’onore della manifestazione quattro artisti d’eccezione. Oltre alle opere in concorso, infatti, per tutta la settimana nella Stazione marittima si può visitare anche la mostra di Paola De Gregorio, mentre nella chiesa dell’Addolorata si potrà ammirare le opere di Marisa Laurito nella mostra “Radici Squadrate”. Duplice appuntamento speciale a Palazzo Fruscione dove sono state allestite anche la personale dell’artista russa Ludmilla Radchenko e la mostra d’arte in 3D di Tina Marzo, nella quale ogni visitatore avrà l’opportunità di immergersi in un mondo surreale e fantastico. Faranno da corollario alla rassegna diverse iniziative, quali workshop e dibattiti.

  ll percorso espositivo è visitabile da domani a sabato dalle 11 alle 21 e domenica 11 giugno dalle 11 alle 14.30. L’ingresso è gratuito in tutte le sedi espositive ed anche alla serata di premiazione. Gli esperti d’arte della “Prince Art Gallery” offriranno ai visitatori una consulenza di acquisto per tutte le opere in esposizione. Parte dei proventi derivanti dalla vendita del catalogo di “Arte Salerno” saranno devoluti all’associazione “Pandora Ability”, che si occupa dei diversamente abili. I visitatori riceveranno in omaggio un totem segnalibro con le opere di tutti gli artisti in concorso.

De Angelis - Grafica e stampa

Commenti

I commenti sono disabilitati.