Taste - Sapori Mediterranei

Al Ruggi arriva la “Culla della Vita” per i neonati abbandonati

Si tratta delle antiche “Ruote degli esposti” collocate accanto ai portoni dei Conventi e dei Monasteri, oggi ha una nuova identità innovativa, riscaldata e dotata di sensore autistico per il personale medico

Federica D'Ambro

Un progetto in sinergia tra la Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno e la Centrale del Latte. Si chiama “Culla della Vita” l’iniziativa che ha lo scopo di promuovere e valorizzare la culla termica collocata presso il Ruggi di Salerno. A parlarne il quotidiano La Città, la presentazione della culla si terrà nei prossimi giorni. La culla non è un’invenzione moderna, già esisteva, ad oggi è stata solo riadattata. Infatti, anticamente si chiamava “Ruota degli esposti” ed era collocata accanto ai portoni dei Conventi, dei Monasteri.
La Culla di oggi è riscaldata, dotata di un allarme acustico attivato da un sensore che avvisa tempestivamente il personale medico degli ospedali dove è installata nel caso di presenza di un neonato.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.