No Signal Service

Al Ghirelli una “tragedia reale”

Venerdì 6 e sabato 7 marzo, al Teatro Ghirelli di Salerno il regista Francesco Saponaro propone, a vent’anni dalla sua stesura e dal primo allestimento, “Una tragedia reale”, un sagace divertissement parodistico di Peppino Patroni Griffi, arricchito da un lessico popolare e virulento, che sembra risalire dal repertorio fiabesco del Basile condito da una buona dose di politically incorrect.

La pièce si ispira alla tragica fine della principessa Diana, mito planetario dell’immaginario pop (basti pensare al film di Stephen Frears, The Queen, con Helen Mirren) con derive da rotocalco, che Peppino Patroni Griffi (romanziere, drammaturgo, regista teatrale, cinematografico e televisivo), scrisse nel 1999 (due anni dopo la morte di Lady D) ambientando l’intera azione nella camera da letto della Regina a Buckingham Palace, durante le ore del tragico incidente sulle strade di Parigi, con la corte inglese che si esprime nel suo irresistibile napoletano.

Mai più rappresentata, la tragicommedia di Patroni Griffi è riproposta dalle vere sorelle Lara e Ingrid Sansone, nipoti dell’amata Luisa Conte (nei ruoli della Regina e della Principessa sorella), Andrea Renzi (nel doppio ruolo del Principe Carlo e di Tony Blair) e Luciano Saltarelli (che, en travesti, interpreta la dama di compagnia della Regina).

Nel cuore della notte il Palazzo è scosso dalla notizia della terribile disgrazia.

Intorno al letto della Regina compaiono Molly, compassionevole dama di compagnia, il principe ereditario, ex marito della defunta, la principessa sorella della regina, ninfomane-alcolizzata, e il Primo Ministro che cerca di convincere Sua Maestà a compiacere il popolo afflitto dalla perdita della sua beniamina e concordare il lutto di Stato.

Di fronte alle resistenze ostinate e agli strepiti della Regina, non ha altra strada che ricorrere ad alcune battute del Riccardo III di Shakespeare come modello di esemplare cordoglio e consegnare il feretro della principessa-martire allo sguardo costernato dei sudditi e dei mass-media di tutto il mondo.

Per Saponaro si tratta di un ritorno a Patroni Griffi dopo “In memoria di una signora amica” (2015), ed anche un nuovo tassello del suo lavoro registico sulla drammaturgia partenopea: “Questa nuova immersione nella scrittura di Patroni Griffi, pur nelle distinte sfaccettature, rappresenta una continuità nella traiettoria che da Scarpetta a Eduardo fino a Moscato lega il mio lavoro di questi ultimi anni alla drammaturgia in lingua napoletana”.

Una tragedia reale
di Giuseppe Patroni Griffi
con Lara Sansone, Andrea Renzi, Ingrid Sansone, Luciano Saltarelli
regia e scene Francesco Saponaro
costumi Roberta Nicodemo
luci Cesare Accetta
suono Daghi Rondanini
assistente alla regia Francesco Paglino, assistente alle scene Lucia Imperato
produzione Teatro Sannazaro / Teatri Uniti

ORARIO
Venerdì ore 20.30
Sabato ore 19

De Angelis - Grafica e stampa

Commenti

I commenti sono disabilitati.