Pizzeria Betra Salerno

Ad 8 gare dalla fine, la primavera da quando si è in B

Il bilancio ad otto giornate dal gong con il confronto rispetto alle ultime tre stagioni in cadetteria. Nel 2017 solo 7 punti

Carmine Raiola

Salernitana, cosa succede? La squadra di mister Gregucci è ormai in una crisi vera e propria come dimostrano le 4 sconfitte nelle ultime 5 partite disputate. La primavera ci “consegna” un primo bilancio, un report che relaziona l’andamento dei granata ad 8 gare dal gong negli ultimi 4 anni di serie B. Come si trovava la Salernitana nelle ultime 8 partite degli scorsi campionati?

D7124F2B-C1D8-4237-9EFD-200E4B19B347

2015/2016. Partiamo dalla stagione 2015/2016, prima in serie cadetta. Ad otto giornate dal termine la squadra granata si trovava in ventesima posizione e si preparava ad affrontare il rush finale per la salvezza diretta. La giornata numero 35 fu contro il Latina che i granata di mister Menichini sconfissero con il punteggio di 3-2 grazie ai gol di Odjer, Donnarumma e Coda i quali ribaltarono i due vantaggi iniziali dei laziali. Nelle due partite successive, i granata pareggiarono sia contro la Pro Vercelli sia contro il Vicenza ma solo dopo il match contro i piemontesi migliorarono la loro posizione in classifica ( dalla ventesima alla diciannovesima posizione) salvo poi perderla con il pareggio a reti bianche contro la squadra veneta. La vittoria tornò nella giornata numero 38, contro il Livorno che fu sconfitto per 3-1 dopo le reti dei “soliti” Donnarumma ( che segnò dopo un solo minuto) e Coda ai quali si aggiunse Antonio Zito, la partita seguente fu quella del secondo gol a tempo scaduto di Bagadur contro l’Ascoli a cui non bastò la doppietta di Daniele Cacia per ottenere i tre punti. Nelle ultime tre partite del campionato, la Salernitana ottenne 4 punti visti il pareggio a reti bianche contro il Modena ( dinanzi ad uno stadio Arechi stracolomo), la sconfitta contro il già promosso Cagliari e la vittoria contro il Como ad opera di Alfredo Donnarumma che permise ai granata di piazzarsi al diciottesimo posto( due posizioni in più rispetto a quella in cui la squadra di Via Salvador Allende si trovava prima della partita) ma non di evitare i playout poi vinti contro il Lanciano.

SAL - 23 05 2016 Nella foto leonardo menichini Foto Tanopress

2016-2017. La seconda stagione in serie cadetta è andata molto meglio rispetto alla prima, con i granata che chiusero al decimo posto con 54 punti totali. Nelle ultime otto partite la Salernitana collezionò solo sette punti che non bastarono per raggiungere l’ultima posizione utile per disputare i playoff occupata dallo Spezia con 60 punti, sei in più degli uomini di mister Bollini. La prima partita, del periodo preso in esame, fu contro la Ternana che riuscì a battere i granata grazie al gol di Felipe Avenatti il quale costrinse la Salernitana alla perdita dell’undicesima posizione. Nella partita successiva gli uomini di Bollini si imposero sul Latina per 2-1 grazie alle reti di Rosina e Mattia Sprocati mentre nelle giornate numero 37 e 38, i granata pareggiarono per 0-0 contro Pro Vercelli e Bari. Frosinone e Carpi, poi, inflissero alla squadra del cavalluccio marino due sconfitte consecutive, rispettivamente per 1-3 e 2-0. La vittoria ritornò solo nel derby contro l’Avellino che fu sconfitto dai gol di Improta e Coda, nell’ultimo match della stagione i granata persero al Curi di Perugia con il risultato di 3-2, sconfitta indolore visto che già matematicamente fuori dai playoff.

55 esultanza finale coda improta

2017/2018. Lo scorso anno i granata ad otto match dal termine si trovavano in dodicesima posizione nella quale concluderanno la stagione a 51 punti che non servirono per raggiungere la soglia dei 60 punti utili per entrare nella griglia playoff. Proprio come nella stagione precedente, anche nel 2017/2018 i granata pareggiarono con il medesimo risultato le prime due partite di questa speciale parte di stagione e persero il terzo match in casa con il risultato di 1-3, infatti contro Cesena e Cremonese arrivarono due pareggi per 1-1 mentre il Cittadella battè i granata con il punteggio citato in precedenza. Nella giornata numero 38, invece, gli uomini di mister Colantuono riuscirono ad imporsi sul Brescia in un match pirotecnico terminato con il risultato di 4-2 per i granata. Fu poi la volta della trasferta di Perugia nella quale gli uomini dell’allora trainer Roberto Breda riuscirono a fermare i granata sul pari. Dopo la vittoria all’ombra dell’Arechi contro la Virtus Entella grazie al gol di Bocalon, arrivarono due sconfitte consecutive contro Foggia e Palermo che costrinsero i granata a non partecipare nuovamente ai playoff.

AB6I4755

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.