Taste - Sapori Mediterranei

A Salerno sulla “scia” di Calenda, ecco il nuovo gruppo consiliare a Palazzo di Città

Calenda: "Vogliamo partire dai territori per far crescere la nuova classe dirigente, competenza e serietà accomunano i tre consiglieri comunali di Salerno che hanno aderito ad Azione"

“Oggi a Salerno sta accadendo qualcosa di molto importante a livello politico, con una valenza nazionale. Tre consiglieri comunali hanno aderito ad Azione, costituendo un nuovo gruppo consiliare che resta nella maggioranza almeno per il momento”. Così Matteo Richetti, cofondatore di Azione, il movimento politico che si è presentato in città nel tardo pomeriggio, presso l’Hotel Mediterranea di Salerno, con il neonato gruppo consiliare a Palazzo di Città.

All’incontro, oltre a Richetti e ad Andrea Mazziotti, componente del Comitato Promotore, doveva essere presente anche Carlo Calenda. L’ex ministro, trattenuto a casa per motivi strettamente familiari, non ha fatto però mancare il suo intervento, attraverso una diretta in videocall. L’incontro, organizzato presso la sala conferenza dell’Hotel Mediterranea di Salerno, ha visto la partecipazione dei neo consiglieri comunali Antonio D’Alessio, Leonardo Gallo e Corrado Naddeo.

“Abbiamo aderito ad Azione in quanto tutti i partiti esistenti hanno impostato la loro linea di condotta su basi populistiche. La linea di Azione è totalmente nuova, in quanto punta alle competenze della classe dirigente, senza usare slogan e demagogia. Siamo lontani dalla destra ed anche da questo centrosinistra. Con Corrado e Leonardo ci siamo ritrovati in consiglio comunale, rivendicando la necessità di partecipare alla fase decisionale della macchina pubblica – ha dichiarato il consigliere Antonio D’Alessio – Quando vieni chiamato solo per votare, ognuno si adeguerà di conseguenza. Saremo dunque critici, attenti e quando diremo no, lo faremo proponendo alternative. Il nostro atteggiamento all’interno della maggioranza non cambia di molto, mentre cambia il fatto che oggi abbiamo una guida politica nazionale di valore e competente. Sempre per il bene della comunità e del territorio”.

“Siamo sostanzialmente pragmatici nella nostra scelta politica. Viviamo nella post ideologia, noi ci impegniamo a fare cose, spinti dalla necessità di dare risposte al territorio. Noi siamo una cosa altra e sicuramente una cosa “alta”. A livello nazionale sfuggono i veri problemi della gente, il governo è in una fase contemplativa che non può andare oltre. In questo momento, ogni ritardo decisionale a livello governativo, crea difficoltà enormi alle persone ed alle aziende”. Così Corrado Naddeo, altro componente del neonato gruppo come consigliere comunale: “Fin dall’inizio della consiliatura al Comune di Salerno, abbiamo sempre messo al centro le reali problematiche che vive la città. Qualcuno pensava di andare avanti per inerzia, i problemi non vanno contemplati ma vanno affrontati”.

“Ci candidammo con questa maggioranza per dare un contributo fattivo – ha esordito il consigliere Leonardo Gallo – Le decisioni vanno prese insieme e dopo aver discusso, questo fanno le menti libere. Le critiche sono sempre costruttive e non sono lesa maestà. Noi non ci opponiamo al governo di questa città, vogliamo solo dare il nostro contributo. Qui il problema non è la destra o la sinistra, il problema è cercare di fare bene le cose, con competenza e spirito d’iniziativa, in ogni settore della cosa pubblica. Noi stessi in Campania ci siamo resi conto che De Luca fosse un uomo solo al comando, così a Salerno non va bene così, siamo consiglieri comunali e vogliamo contribuire tutti alla gestione della cosa pubblica. Abbiamo trovato una casa in Azione, in un Paese serio e civile occorre sempre potersi esprimere in qualsiasi modo senza rubare spazio agli altri”.

“Mi scuso della mia assenza, ci tenevo però a partecipare a Salerno per la nascita di questo gruppo consiliare – ha dichiarato in videocall Carlo Calenda – Non abbiamo voluto far coinvolgere esponenti di altri partiti, vogliamo partire dai territori per far crescere la nuova classe dirigente, che deve crescere e maturare, ma partendo da esperienze territoriali. Siamo ad una svolta seppur al momento difficile nella politica del Paese. Sono tornati valori come la competenza e la serietà, e questo accomuna i tre consiglieri comunali di Salerno che hanno aderito ad Azione. I sondaggi ci gratificano, questo Governo sta fallendo in molti aspetti. Occorre il valore della coerenza e della trasparenza dei comportamenti, occorre una risposta dell’Italia che oggi è senza rappresentanza politica. Non abbiamo molto tempo, abbiamo una sfida da affrontare, tornare al Governo per fare un lavoro serio. Aderire ad Azione è un gesto di coraggio e di serietà. Per quanto riguarda le elezioni regionali, noi non ci presenteremo in quanto non ci convincono i candidati di centrosinistra, comunque saranno le direzioni regionali campane ad esprimersi in merito appena si capiranno gli schieramenti e i candidati. Vogliamo trasparenza e qualità, se ci sono candidati seri e c’è accordo a livello territoriale del partito, potremmo sostenere il candidato. Noi siamo alternativi a tutto, vogliamo rifondare un centro liberal democratico, che deve portare la politica al centro. Non vogliamo sottometterci ai sovranismi ed ai populisti”.

“Grazie a tutti quelli che stanno aderendo ad Azione. E’ un atto di coraggio che verrà premiato sicuramente dai cittadini – le parole di Andrea Mazziotti – Noi decliniamo il centro politico in modo diverso rispetto al passato, in chiave moderna, mettendo al centro l’innovazione del modus operandi in politica e soprattutto la capacità di gestione”.

“Quando nasce Azione a novembre 2019, lo abbiamo fatto insieme a Carlo. Militavamo nel Pd, prendendo voti. Dicevamo che eravamo persone che studiavano i problemi per poterli affrontare. E così siamo stati eletti – ha fatto il punto Matteo Richetti – Siamo rimasti coerenti ed infatti molti sono usciti da quel partito. Qui abbiamo a che fare con sovranismi e populismi, ma siamo alternativi a quelli che portano i figli in parlamento, a quelli che non facevano fare i congressi su questo territorio se non avevi la tessera di quella fazione. Noi parliamo un verbo di verità assoluta. Questo Governo non è stato in grado di gestire l’emergenza che abbiamo vissuto tutti, sfidando il buon senso e la ragione. Noi vogliamo affrontare e risolvere i problemi, altro che sparare cazzate dalla mattina alla sera. Noi nasciamo per questo, stanchi della propaganda del centrosinistra, del sovranismo della destra e del populismo dei 5 Stelle. Abbiamo valori ben chiari: contrasto alle ingiustizie, trasparenza, cultura della classe dirigente e pragmatismo. Le nostre proposte sono chiare e precise. In Campania nascono gruppi consiliari in molti Comuni. C’è voglia di nuovo e di altro, ecco perché esiste Azione”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.