Taste - Sapori mediterranei

A Salerno la scrittrice giapponese Banana Yoshimoto

banana-yoshimoto-il-lago-938x535

Mercoledì 15 maggio alle ore 17, a Palazzo di Città, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli incontrerà la scrittrice giapponese Banana Yoshimoto, una delle figure letterarie più eclettiche ed interessanti del panorama letterario mondiale.

Parteciperanno all’incontro: Giorgio Amitrano, ordinario di Lingua e Letteratura giapponese e tra i principali traduttori di Banana Yoshimoto; Francesco Colace, delegato al placement dell’Ateneo salernitano, Gala Maria Follaco, attuale traduttrice di Yoshimoto e Nicoletta Gagliardi, delegata di Ateneo – responsabile del Protocollo di Intesa per il funzionamento della Scuola Italiana degli Studi dell’ASIA Orientale di Kyoto.


 

Nel 1987, mentre lavora come cameriera in un golf-club, Banana comincia la sua carriera di scrittrice. Uno degli autori che la influenza maggiormente è Stephen King, specialmente per quanto riguarda le sue storie non horror.

Il suo primo libro, Kitchen, ebbe un successo immediato con oltre 60 ristampe nel solo Giappone. Due film sono stati inoltre girati sul romanzo, uno per la TV giapponese e una versione prodotta a Hong Kong da Yim Ho nel 1997. Banana vinse, sempre per Kitchen, il 6th Kaien Newcomer Writers Prize nel novembre del 1987, l’Umitsubame First Novel Prize ed infine il 16° Izumi Kyoka Literary Prize nel gennaio del 1988.

Un altro dei suoi libri, Tsugumi, venne tramutato a sua volta in un film diretto da Ichikawa Jun nel 1990. Il libro tuttavia riscosse pareri contrastanti. Diversi critici pensano che parte del suo lavoro sia superficiale e commerciale; i suoi lettori al contrario pensano che nei suoi libri descriva perfettamente cosa vuol dire essere giovani e frustrati nel Giappone moderno e nelle sue odissee emotive e psicologiche che presenta nei personaggi chiunque può esserne ritratto. La Yoshimoto stessa identifica i suoi due temi principali nello “sfinimento della gioventù nel Giappone contemporaneo” e “il modo in cui le esperienze terribili influiscano nella vita di una persona”. I suoi libri possono essere divertenti e di svago, ma hanno sempre riferimenti all’ideologia tradizionale giapponese e contengono riflessioni sulla vita, la morte, l’amicizia, l’amore e la ragione, temi molto cari alla scrittrice, a cui piace farli percepire tra i limiti nelle sue opere.

Sebbene i critici non la considerino ancora una “grande” della letteratura, la Yoshimoto ha dichiarato di voler vincere il Premio Nobel per la Letteratura ed è particolarmente apprezzata in molti paesi del globo.

Inoltre Banana ha vinto la 39ª edizione del Best Newcomer Artists nell’agosto 1988 per Kitchen e Utakata/Sankuchuari. Nel marzo del 1989 Tsugumi vinse il 2nd Yamamoto Shugoro Literary Prize, mentre nel 1994 il suo primo libro di più mole, Amrita, conquistò il premio Murasakishikibu.

I suoi lavori consistono in quindici romanzi e sette collezioni di scritti (che includono Pineapple Pudding e Song From Banana). I suoi lavori hanno venduto più di sei milioni di copie in tutto il mondo. Fra i suoi temi preferiti ci sono l’amore e l’amicizia, la potenza della casa e della famiglia e gli effetti della perdita sull’animo umano.


 

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.