Scarpe per bambini - Millepiedi

A Salerno il “King of Paparazzi” Rino Barillari

Domani la presentazione di libro e film dedicati al fotografo

SALERNO | Domani, sabato 3 novembre, alle ore 18.30 nei locali di Palazzo Fruscione, Olga Marciano e Giuseppe Gorga, ideatori ed organizzatori della Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno, ospitano la presentazione alla stampa e, subito dopo, la proiezione di “The King of Paparazzi”, libro e film dedicati alla vita del più famoso fotografo di celebrità, Rino Barillari. All’incontro, condotto dal giornalista Eduardo Scotti, prenderanno parte gli autori Giancarlo Scarchilli e Massimo Spano, oltre a lui, Rino Barillari, l’uomo definito da Federico Fellini “The King of Paparazzi”, appellativo che il grande fotografo non ha mai più abbandonato.

paparazz

Dopo pizza e Ferrari, Paparazzi è la terza parola italiana più conosciuta al mondo.

“Rino Barillari è il più famoso ‘paparazzo’ del mondo ancora in attività. Lo stesso Federico Fellini (che aveva ‘inventato’ i paparazzi col suo memorabile film-affresco “La Dolce Vita”) lo aveva definito “The King of Paparazzi”. Una volta entrati in contatto con Barillari e visionato il suo
sterminato archivio fotografico, oltre 600 mila ‘scatti’ dagli anni ’50 ai giorni nostri, ci siamo subito resi conto di essere di fronte a qualcosa di straordinario e imprevisto”.

Così raccontano Giancarlo Scarchilli e Massimo Spano: “Le foto di Barillari si mostravano inequivocabilmente come la sintesi perfetta di quello che eravamo stati… e di quello che, poi, saremmo divenuti. Attraverso i suoi adrenalitici, fulminanti e puntuali scatti, aveva ‘fissato’ più di mezzo secolo di accadimenti, e non solo legati allo spettacolo, al costume e alla mondanità del jet set internazionale, aveva anche raccontato con ‘inconsapevole’ lucidità la nostra storia, fatta di attentati, di stragi, di mafia, di lotta armata contro lo Stato, di rapimenti, di proteste e movimenti studenteschi. Foto, spesso inedite, con un forte impatto visivo ed evocativo. Senza probabilmente rendersene conto, preso com’era dalla sua frenesia di fissare con un ‘click’ tutto quello che poteva essere fonte di un potenziale ‘scoop’ (da vendere poi ai giornali e far pubblicare), Barillari ci ha raccontato con le sue immagini la storia non solo di una città o di un Paese, ma di un’intera umanità”.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.