Pizzeria Betra Salerno

A qualcuno piace a quattro

Idee, posizioni e nuove opportunità: come sarà la Salernitana di Gregucci?

Come una saga, Gregucci ter, ma di questo ne abbiamo già parlato. Da delineare, invece, quella che sarà la Salernitana formato Greg. Caposaldo, o quasi, la difesa a quattro, un beneficio per alcuni e deficit per altri. Nel ruolo da centrale tanta concorrenza che potrà, tra virgolette, essere “consolata” dalle puntuali e costanti assenze legate alla condizione atletica e squalifiche. Mantovani, Schiavi, Perticone, Migliorini e chissà quando Bernardini, si giocano il posto davanti a Micai. Non abbiamo inserito Gigliotti, il francese potrebbe “patire” l’arrivo del nuovo tecnico, mancino, alternativa a Vitale, troverebbe spazio solo nel ruolo di terzino in una formula a quattro. Sull’altro versante sono in tre, in primis parliamo di Raffaele Pucino. Gregucci per lui potrebbe rappresentare una nuova “vita” a Salerno. Il casertano trovava davvero poco spazio con Colantuono, utile sia a destra (posizione naturale) che a sinistra, chissà che non venga rilanciato da Gregucci già nelle prossime gare. C’è poi Casasola, sul versante destro, così come Djavan Anderson, anche quest’ultimo potrebbe trovare più spazio condizioni fisiche permettendo. Come? Se il tecnico di San Giorgio Ionico decidesse di giocare a quattro anche a centrocampo. Con un 4-4-2 lineare la Salernitana, ipotizziamo, potrebbe schierare sia Djavan Anderson che Vitale sugli esterni, così come Gigliotti (a sinistra) e Casasola o Pucino a destra. Gerarchie e modulo, ovviamente, tutto da definire, così come quelle che potrebbero essere le mosse di mercato a gennaio che, a dirla tutta, non hanno mai inciso davvero nell’alzare l’asticella in campionato, però questa sì, è un’altra storia..

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.