No Signal Service

A Battipaglia si aprono gli scatoloni dei ricordi

Dal 10 al 20 settembre la mostra fotografica di Nero su Bianco, intitolata "Battipaglia Amarcord"

admin

Battipaglia di ieri, illustrata in unico percorso, racchiuso nell’arte della fotografia. Tutto pronto per Battipaglia Amarcord, la mostra fotografica organizzata dalla redazione di Nero Su Bianco, storico quindicinale battipagliese a distribuzione gratuita. Alle 18:30 di domani, 10 settembre, alla presenza di Gerlando Iorio, presidente della commissione straordinaria che regge le sorti della città dal dì dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche, lo spazio espositivo sarà aperto al pubblico. La mostra proseguirà fino a domenica 20 settembre. Battipaglia Amarcord è un racconto per immagini in una strada di emozioni, l’album fotografico di una comunità, il “come eravamo” dei battipagliesi di tre generazioni, dal 1910 al 1975. La mostra fotografica è divisa in due sezioni: la prima, i luoghi, raccoglie cartoline illustrate e fotografie di Battipaglia. Il visitatore è invitato a scoprire com’era: prima del Ventennio, prima dei bombardamenti del 1943, prima dell’esplosione demografica e urbanistica del dopoguerra. Le foto provengono principalmente da una collezione privata di cartoline illustrate d’epoca.La seconda sezione, le persone, è l’album di famiglia dei battipagliesi. Centinaia di immagini di avvenimenti pubblici e privati che accompagnano il visitatore indietro nel tempo, lo invitano a “riconoscersi”, a cercare i parenti, gli amici, i compagni di scuola. Le fotografie, per la maggior parte, sono quelle concesse dai lettori di Nero su Bianco e pubblicate nella rubrica Amarcord dal 2005 a oggi.Particolare attenzione è stata dedicata alla datazione delle immagini: il lavoro, impegnativo ma stimolante, è stato condotto incrociando le testimonianze dei protagonisti con le informazioni desunte da uno studio approfondito della storia recente di Battipaglia. Dieci giorni in cui riaffiorano alla memoria i ricordi non solo di un’epoca lontana, ma soprattutto in cui tirar fuori le emozioni, che solo una fotografia può suscitare.

De Angelis - Grafica e stampa

Commenti

I commenti sono disabilitati.